Talenti per la Comunità: è donna la next generation dei leader italiani

La next generation dei leader in Italia si tinge di rosa, con il pionieristico corso nazionale di alta formazione gratuita “Talenti per la Comunità: costruire nuove leadership”, in partenza sabato 19 marzo a Torino e messo in campo dalla Fondazione CRT. Su 40 partecipanti – selezionati su quasi 300 giovani laureati ad alto potenziale provenienti da tutta Italia – circa il 60% (23) è costituito infatti da donne.

Per i prossimi otto mesi i futuri “community leader” riceveranno un kit di conoscenze e competenze sia tecniche sia trasversali, le cd. ‘soft skills’, per progettare, gestire e valorizzare i processi di crescita sociale, civile, economica e culturale delle realtà territoriali locali, dalle aree metropolitane a quelle montane.

Con un’età media di 30 anni (il più giovane ne ha 24), i “magnifici 40” Talenti per la Comunità rappresentano una geografia molto variegata, provenendo per il 30% da fuori Piemonte: Milano, Firenze, Roma, Napoli, Brescia, La Spezia, Vibo Valentia, Taranto le città di residenza, oltre ovviamente a Torino, Asti, Novara, Cuneo, Verbania, Biella.

 

infografica partecipanti talenti e comunità con % donne, province di provenienza, età
Infografica profilo partecipanti Talenti per la Comunità

 

Hanno alle spalle percorsi di studi universitari molto eterogenei: dall’ambito politico (il più diffuso) a quello sociale ed economico, da giurisprudenza ad architettura e ingegneria. 30 di loro hanno la laurea magistrale, 10 quella triennale, conseguita presso Atenei di tutta Italia: il Politecnico di Torino, le Università degli Studi di Torino, Padova, Siena, Trento, “La Statale” di Milano, “Federico II” a Napoli, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, “La Sapienza” e “Tor Vergata” a Roma, LIUC Università Carlo Cattaneo a Castellanza (Varese), Università Ca’ Foscari Venezia, Università del Salento.

 

Infografica ambito di formazione partecipanti Talenti per la Comunità
Suddivisione dei partecipanti per ambito di formazione

 

È una generazione cosmopolita, fatta di giovani che parlano correntemente diverse lingue, hanno viaggiato e fatto esperienze all’estero. Protagonisti attivi nel mondo dell’associazionismo e del volontariato, sono fortemente impegnati a costruire reti attraverso iniziative di promozione e animazione territoriale, educazione alla cittadinanza, inclusione e cooperazione.

Talenti per la Comunità è una scommessa più che mai attuale, per rivitalizzare i corpi intermedi della società attraverso la formazione, il merito, le competenze – afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. Vogliamo contribuire a far nascere una nuova leadership responsabile, che consideri il bene comune come priorità, in un periodo caratterizzato dalla diffusa disaffezione verso la gestione della cosa pubblica”.

Insieme a un partner di eccellenza come la Scuola di Politica ‘Vivere nella Comunità’ rispondiamo a una domanda formativa necessaria per un cambiamento realmente sostenibile dal punto di vista sociale, ambientale e di buona governance – dichiara il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Le grandi sfide della contemporaneità, come la gestione dei conflitti, l’emergenza climatica e sanitaria, la metamorfosi dei centri urbani, la transizione digitale, richiedono una nuova generazione di leader coraggiosi, preparati e consapevoli, capaci di fare rete e di rilanciare i territori in ottica Paese, a partire dalla messa a terra dei progetti e delle risorse del Pnrr”.

TALENTI PER LA COMUNITA’ – IL CORSO E I DOCENTI

Il corso multidisciplinare “Talenti per la Comunità” mixa lezioni prevalentemente in presenza, workshop, approfondimenti di case histories e attività sul campo, e dispone di una squadra di docenti di alto profilo in rappresentanza del mondo economico, accademico, scientifico, istituzionale: dallo storico dell’economia Giulio Sapelli al filosofo Roberto Esposito, dall’imprenditore Marco Giovannini al Presidente del Censis Giuseppe De Rita, dagli urbanisti Federica Verona, Anna Prat e Alessandro Balducci al data scientist Ciro Cattuto. E ancora: gli economisti Massimo Ferlini, Enzo Rullani, Cristina Tajani, Lucrezia Songini, Enzo Peruffo e Bernardo Bertoldi, i sociologi Ester Cois e Filippo Barbera, il giurista e professore di diritto commerciale Maurizio Irrera, l’ad di Saipem Francesco Caio e l’ad di MilanoSesto Giuseppe Bonomi, il Segretario Generale della Fondazione Mirafiori Elena Carli, il Direttore Generale di Ream Oronzo Perrini, il Presidente di Fondazione con il Sud Carlo Borgomeo, la project manager del progetto per i bambini THUB06 Barbara Posa, la fondatrice di Avventura Urbana Iolanda Romano, per citare solo alcuni dei docenti che terranno le lezioni prima della pausa estiva.

Il “cantiere” di alta formazione potenzierà l’azione dei giovani talenti sui territori, associando all’impegno personale una maggiore comprensione dei “fenomeni di comunità”, con focus su alcuni elementi-chiave: gli strumenti di mediazione dei conflitti, i big data come social commodity per la progettazione, l’esecuzione, il monitoraggio e la valutazione dei progetti, l’innovativa finanza per lo sviluppo (fondi di investimento, private equity, business angels e family offices), la riconversione green e digital della manifattura, l’economia della cultura e del turismo, la rivoluzione del 5G, l’umanesimo digitale e industriale.

Il corso “Talenti per la Comunità” è realizzato dalla Fondazione CRT con l’apporto scientifico della Scuola di Politica “Vivere nella Comunità” dei professori Sabino Cassese, Pellegrino Capaldo, Marcello Presicci, Paolo Boccardelli; sono partner del progetto anche il “Consorzio Aaster” del sociologo Aldo Bonomi per la progettazione e la direzione scientifica; il “Cottino Social Impact Campus” per l’applied tutorship e la sede delle attività; il Consorzio sociale “Il filo da tessere” per le attività di coordinamento e supporto

APPROFONDIMENTI

Vai alla pagina del progetto Talenti per la Comunità

grafica talenti per la comunità - illustrazione con persona e costruzioni colorate
Storie di Talenti

Fondazione

Ente filantropico nato nel 1991, la Fondazione CRT è la terza in Italia per entità del patrimonio. In trent’anni ha messo a disposizione del territorio 2 miliardi di euro, sostenendo oltre 40.000 progetti per l’arte, la ricerca, la formazione, il welfare, l’ambiente, l’innovazione, in tutti i 1.284 Comuni piemontesi e valdostani. ↗ Leggi la storia […]

Scopri di più
Storie di Talenti

Il tempo del miele: la scommessa (vincente) dell’apicoltura biologica

Tempo, formazione e passione sono i tre ingredienti alla base del miele di qualità. Parola di Marco Zaffino, alumnus di Talenti per l’Impresa e cofondatore di Apicoltura Torinese.

Scopri di più
Storie di Talenti

Atelier Riforma: la startup che veste a impatto zero

Elena Ferrero ha in tasca una laurea magistrale in scienze degli alimenti, Sara Secondo una laurea magistrale in giurisprudenza. Due percorsi difficilmente intrecciabili con il mondo della moda, se non fosse per l’incontro tra le due nel 2018 sui banchi di Talenti per l’Impresa della Fondazione CRT. È qui che decidono di dare vita a […]

Scopri di più
Storie di Talenti

Community dei talenti

Dai progetti, dalle attività, dalle collaborazioni e dalle sinergie della Fondazione CRT nascono le storie più emozionanti, che meritano di essere raccontate. Fondazione CRT investe strategicamente sulla formazione del capitale umano per fornire alle nuove generazioni le competenze per costruire il proprio futuro e sostenere la crescita delle organizzazioni e delle imprese che costituiscono il […]

Scopri di più
  • Progetti e Bandi
  • Gruppo Fondazione CRT
Storie di Talenti

Impact Deal

Il primo programma europeo di accelerazione per imprese a impatto, “firmato” da Fondazione CRT e OGR Torino con Microsoft.

  • OGR Torino
  • impatto sociale
  • Big data
Scopri di più
Skip to content