Ciak! Piemonte che spettacolo

Domenica 23 gennaio al Cinema Massimo di Torino a partire dalle 21, nell’ambito della prima serata della rassegna Piemonte Factory, saranno proiettati due dei dieci cortometraggi di “Ciak! Piemonte che Spettacolo”, il progetto, messo in campo da Fondazione CRT, Film Commission Torino Piemonte e Fondazione Piemonte dal Vivo per promuovere le eccellenze del patrimonio storico, architettonico, paesaggistico e i talenti delle performing arts.

“Ciak! Piemonte che Spettacolo” ha l’obiettivo di rilanciare il territorio anche in chiave turistica e al contempo far ripartire i comparti dello spettacolo e delle produzioni audiovisive messi a dura prova dalla pandemia. Un progetto artistico nato per unire il valore culturale a quello economico-occupazionale, con la realizzazione di dieci clip d’autore, presentate in anteprima al Torino Film Festival lo scorso novembre, che hanno trasformato alcuni dei più importanti luoghi-simbolo d’arte e cultura del Piemonte -dalle OGR di Torino al Castello di Govone, da Bene Vagienna nel Cuneese a Villa Caccia a Romagnano Sesia, dal Museo di Scienze Naturali di Torino ai beni della Fondazione Asti Museo, per citarne alcuni –in set cinematografici d’eccezione per dieci compagnie di teatro, musica, danza e circo contemporaneo. Un segnale forte e concreto, realizzato grazie alla rinnovata sinergia tra Fondazione CRT e le due Fondazioni partecipate della Regione Piemonte.

I due cortometraggi in proiezione sono:

  • Musicanimale di Simone Rosset. Realizzato da Start e dal gruppo musicale The Sweet Life Society. Location: Museo di Scienze Naturali, Torino.
  • IO I OI di Francesco Lorusso (Broga’s). Realizzato da Robin Studio e dalla Compagnia Egri Bianco Danza, in collaborazione con la Fondazione Accademia Perosi di Biella. Location: OGR Torino.

 

L’ingresso al Cinema Massimo (Sala Cabiria – Ingresso 6 euro, ridotto 4 euro) è consentito ai soli visitatori in possesso di Certificazione verde Covid-19 di avvenuta vaccinazione o di avvenuta guarigione (c.d. “Super Green Pass”), con esclusione, pertanto, dei Green Pass rilasciati a seguito di tampone molecolare o antigenico. Si ricorda, inoltre, che è necessario indossare una mascherina FFP2 durante tutto lo spettacolo.

Storie di Talenti

Fondazione

Ente filantropico nato nel 1991, la Fondazione CRT è la terza in Italia per entità del patrimonio. In trent’anni ha messo a disposizione del territorio 2 miliardi di euro, sostenendo oltre 40.000 progetti per l’arte, la ricerca, la formazione, il welfare, l’ambiente, l’innovazione, in tutti i 1.284 Comuni piemontesi e valdostani. ↗ Leggi la storia […]

Scopri di più
Storie di Talenti

Fondazione 360

Esplora il mondo della Fondazione CRT a 360° grazie agli strumenti innovativi 3D che ti portano alla scoperta dei nostri progetti e attività.

Scopri di più
Storie di Talenti

Atelier Riforma: la startup che veste a impatto zero

Elena Ferrero ha in tasca una laurea magistrale in scienze degli alimenti, Sara Secondo una laurea magistrale in giurisprudenza. Due percorsi difficilmente intrecciabili con il mondo della moda, se non fosse per l’incontro tra le due nel 2018 sui banchi di Talenti per l’Impresa della Fondazione CRT. È qui che decidono di dare vita a […]

Scopri di più
  • Ricerca e Istruzione
Storie di Talenti

Talenti per la Comunità

Con il progetto “Talenti per la Comunità – costruire nuove leadership” la Fondazione CRT avvia un percorso di formazione innovativo rivolto alle persone che quotidianamente si impegnano per l’animazione, la promozione, lo sviluppo civile, sociale ed economico delle comunità locali del territorio. Obiettivo del corso è fornire strumenti per potenziare l’efficacia dell’azione degli operatori nelle […]

Risultati
Scopri di più
  • Welfare e Territorio
Storie di Talenti

Operatori culturali per l’inclusione

“Operatori culturali per l’inclusione” è il progetto di Fondazione CRT e Fondazione Paideia per incrementare le conoscenze e le competenze relazionali e professionali degli operatori dei servizi culturali  nell’accoglienza dei visitatori con disabilità e/o con bisogni particolari, disseminando così una cultura dell’inclusione. Il progetto, nato nel 2012 con la denominazione “Operatori museali e disabilità” e […]

In corso
Scopri di più
Skip to content