Premiati gli studenti che hanno partecipato al progetto Robo-Scuola

Previous Next

Fondazione CRT e Comau hanno premiato gli studenti delle scuole primarie e secondarie piemontesi che hanno partecipato al contest “La cooperazione tra Robot ed esseri umani”, lanciato nell’ambito del progetto didattico Robo-Scuola.

Per la Fondazione CRT era presente il responsabile dell'attività istituzionale, Teresio Barioglio, che ha sottolineato come "attraverso uno strumento come il robot, vicino al ‘linguaggio’ dei ragazzi,  la Fondazione - con la sua capacità di far rete - ha portato nelle scuole del territorio metodologie didattiche ad alta innovazione per avvicinarsi a materie come la matematica e l'arte, nello spirito del progetto Diderot".

Partito a marzo 2017, Robo-Scuola è stato realizzato dall’associazione DSCHOLA, in partnership con Comau e Fondazione CRT, con l’obiettivo di avvicinare le scuole al mondo della Robotica, favorendo - per la prima volta - l’utilizzo di un robot in aula, per facilitare e stimolare l’apprendimento di materie scolastiche curricolari, come l’arte e la matematica.

Le classi che hanno partecipato a Robo-Scuola sono state invitate a rispondere ad un contest sul tema della collaborazione uomo-robot, da raccontare attraverso la realizzazione di elaborati creativi di diversa natura (disegni, foto, video, ecc). I premi per la partecipazione al contest sono stati attribuiti a 50 studenti della scuola primaria e 50 allievi della scuola secondaria che hanno frequentato l’anno scolastico 2016-2017 (tra questi ultimi, erano presenti alcuni allievi diplomati lo scorso anno). Durante la cerimonia di premiazione, gli studenti hanno presentato gli elaborati realizzati, che esprimono il loro modo di vedere  la cooperazione con i robot. Dopo la cerimonia, gli alunni hanno avuto l’opportunità di visitare lo showroom Comau, per scoprire da vicino il nuovo e.DO robot e le altre innovative tecnologie dell’azienda torinese.

La partecipazione al concorso è un’ulteriore dimostrazione dell’interesse dimostrato dagli istituti scolastici piemontesi per il progetto Robo-Scuola che, nell’arco del 2017, ha coinvolto 38 scuole del territorio - di cui 14 primarie, 11 secondarie di primo grado e 13 di secondo grado - per un totale di 112 classi, 2372 studenti e 120 docenti.