Vita Supernova: la XXXII edizione del Salone del Libro di Torino dal 14 al 18 ottobre, in presenza

Previous Next

Il Salone del Libro riparte, torna in presenza e fissa le date della XXXIII edizione. Compatibilmente con l’andamento dell’emergenza sanitaria, Vita Supernova si terrà a Torino dal 14 al 18 ottobre 2021. Nel settecentesimo anniversario dantesco, il Salone richiamerà infatti grandi nomi della scena culturale per ragionare insieme sul futuro che ci aspetta; e così la città di Torino tornerà ad accogliere editori, autori, scuole e la comunità di lettori che in questo anno difficile non hanno mai smesso di incontrarsi, anche se virtualmente, intorno alla lettura.

L’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte conferma e implementa il proprio impegno a favore delle iniziative del Salone Internazionale del libro di Torino rivolte alla promozione della lettura delle giovani generazioni. 

Nel quandro del progetto di lettura condivisa  "Un libro, tante scuole", l'Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte sostiene, infatti, la realizzazione di un'edizione speciale de La Peste di Albert Camus perché gli studenti possano leggerlo, discuterne in classe e vivere insieme un’esperienza sul tempo incerto che stiamo vivendo: un romanzo quanto mai attuale, capace di offrire allo stesso tempo una sfida e una possibile direzione. L'opera verrà distribuita gratuitamente a 6000 studenti e studentesse del terzo e del quarto anno della scuola secondaria di secondo grado di tutta Italia, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione. I docenti possono candidare le proprie classi al progetto sulla piattaforma SalTo+ a partire dal 2 marzo.

Nel mondo post Covid, dove le relazioni, la didattica e molte attività quotidiane ‘vivono’ prevalentemente in digitale, il libro rimane una potente àncora di salvataggio per le persone nella dimensione della comunità – afferma il Presidente della Fondazione CRT e dell’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte Giovanni Quaglia –. Per questo motivo l’Associazione delle Fondazioni piemontesi è da sempre al fianco del Salone del Libro per promuovere la lettura e far crescere nuovi semi di cultura, con iniziative che incoraggiano i giovani a interrogarsi sul presente e sul futuro confrontandosi con gli scrittori, interpreti attenti della contemporaneità”.

L’edizione speciale dell'opera di Camus firmata dal Salone avrà una veste grafica studiata ad hoc da uno dei più noti art director editoriali italiani, Riccardo Falcinelli; un’introduzione affidata ad Alessandro Piperno, tra i più importanti scrittori italiani nonché celebre francesista; e una nota del direttore editoriale del Salone, Nicola Lagioia. La traduzione è a cura di Yasmina Melaouah, docente universitaria e traduttrice premiata.

Gli studenti partecipanti potranno condividere le loro riflessioni sull’esperienza di lettura sul nuovo Bookblog: uno spazio di racconto collettivo che il Salone dedica ai ragazzi e che accompagnerà il progetto al Salone di ottobre, quando in un evento conclusivo corale saranno chiamati a parlare vecchi e nuovi lettori di uno dei romanzi più importanti del Novecento. Alle classi aderenti saranno messi a disposizione diversi materiali di approfondimento sull’autore e sui temi del romanzo, tra questi anche una lezione di Alessandro Piperno dal Teatro Argentina di Roma, disponibile su SalTo+ a partire dal 2 marzo e visibile a tutti gli utenti della piattaforma. La lezione inaugurerà Il Salone presenta Albert Camusun ciclo di podcast, prodotto dal Salone in occasione dell'uscita di questo volume speciale, che parlerà delle opere e della vita del grande scrittore di origini francesi, nato e cresciuto in Algeria. La serie di podcast ospiterà le voci di: Alessandro Piperno (4 marzo), Yasmina Melaouah (18 marzo), Annalena Benini (1 aprile), Leila El Houssi (15 aprile), Evelina Santangelo (29 aprile), Goffredo Fofi (13 maggio). Le 6 puntate saranno disponibili per tutti dal 4 marzo su SalTo+ e sulle principali piattaforme streaming gratuite.

 Adotta uno scrittore

Tornerà per la diciannovesima edizione anche Adotta uno scrittore, l'iniziativa del Salone Internazionale del Libro di Torino che porta gli scrittori in aula e avvicina studenti e studentesse alla lettura, sostenuta dall’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte, in collaborazione con la Fondazione con il Sud, il Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria per il Piemonte, Liguria e Valle D'Aosta, il Cesp, Centro studi scuola pubblicaRete nazionale delle scuole ristrette.

Nel 2020, nonostante le difficoltà di tutto il comparto didattico, Adotta uno scrittore ha continuato a rispondere ai bisogni della comunità scolastica spostando in video conferenza gli incontri con gli autori: sono state portate a termine 29 adozioni tra Piemonte, Veneto, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna, Basilicata. Negli ultimi anni il progetto ha implementato la collaborazione con gli istituti scolastici carcerari di tutto il territorio nazionale: le adozioni realizzate presso le scuole delle Case circondariali sono state in totale 9 in 7 regioni. Un video documentario, disponibile dal 2 marzo sul canale YouTube del Salone, racconterà per immagini ogni adozione: una finestra sul lavoro all’interno delle classi, un altro linguaggio per guardare ai libri e alla scrittura. 

Per il 2021, Adotta uno scrittore prevede il coinvolgimento di una trentina di autori, destinati ad “adozioni” in scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado; negli istituti scolastici ospitati all’interno di strutture carcerarie (carceri minorili, case circondariali, case di reclusione) e nelle Università del Piemonte (Dipartimento di Lettere dell’Università di Torino e l’Università del Piemonte Orientale). Per la prima volta nella storia dell’iniziativa, grazie al trasferimento online del progetto, saranno adottati tre autori stranieri italofoni: i francesi Bernard Friot e Olivier de Solininihac (per la scuola primaria) e lo svedese Björn Larsson. Tra gli altri autori già confermati: Teresa Radice e Stefano Turconi per le scuole primarie; Davide Morosinotto e Giulia Caminito per le secondarie di primo grado; Jonathan Bazzi, Donatella Di Pietrantonio, Fumettibrutti, Alessandro Robecchi, Andrea Colamedici e Maura Gancitano per le scuole superiori; Emanuele Trevi e Igiaba Scego per le università. A ottobre, durante il prossimo Salone del Libro, il consueto momento finale del progetto, insieme agli autori, agli studenti e ai docenti che prenderanno parte a questa edizione.

Due importanti novità per il 2021. Sulla piattaforma digitale SalTo+ troveranno spazio alcune videolezioni realizzate dagli autori adottati che saranno a disposizione di tutta la comunità scolastica del Salone. Il ciclo di lezioni si intitola Adotta una parola: ciascun autore sceglierà una parola, un modo per mostrare voci diverse, sguardi sul mondo e approcci degli scrittori di questa edizione. Ma anche per fornire a tutte le scuole materiali sulla lettura e la sua promozione da affiancare alla didattica tradizionale.

Inoltre, il racconto partecipato di autori e studenti coinvolti dal progetto avrà uno spazio dedicato: per raccontare in modo più chiaro ed efficace Adotta uno scrittore, il Bookblog ospiterà le esperienze, i percorsi svolti in classe, immagini e pensieri durante e dopo gli appuntamenti. Verranno raccolti anche gli interventi degli studenti (e quando possibile dei detenuti), così che il racconto del progetto si faccia corale. Un’apertura ulteriore alla condivisione e al dialogo tra autori e lettori, nonché un passo avanti per raggiungere un pubblico più vasto grazie a contenuti di qualità fruibili liberamente.

Per adottare un autore, i docenti potranno candidare la propria classe su SalTo+.

Per maggiori informazioni consulta il sito del Salone Internazionale del Libro di Torino