Europa e filantropia

Previous Next

1989-2019: trent’anni dopo la caduta del Muro di Berlino, quali sono le prospettive per l’Europa alla vigilia delle elezioni per il rinnovo del Parlamento? Quale ruolo può giocare la filantropia in un contesto segnato da spinte centrifughe e da un progressivo scollamento tra cittadini e istituzioni? Questi temi di grande attualità saranno al centro della sessione di Biennale Democrazia “La casa comune europea e la filantropia a sostegno dei valori della democrazia”, in programma giovedì 28 marzo, alle ore 18, alle OGR di Torino. Massimo Lapucci, Presidente di EFC-European Foundation Centre ed Elena Casolari, Managing Director Opes Lcef impact fund, saranno intervistati dalla giornalista Paola Severini Melograni sull’importanza della filantropia come “collante sociale” nell’Europa di oggi: un ruolo svolto sia attraverso il costante sostegno ai principi della democrazia, dell’uguaglianza, della libertà, del pluralismo, sia attraverso la forza di un settore che muove oltre 50 miliardi di euro l’anno per interventi a impatto collettivo e di pubblica utilità.

CLICCA QUI PER LA PRENOTAZIONE

BIENNALE DEMOCRAZIA ALLE OGR TORINO

Le Officine Grandi Riparazioni (OGR), il maestoso complesso industriale di fine Ottocento interamente riqualificato dalla Fondazione CRT e trasformato in nuovo hub della cultura, della creatività e dell’innovazione, sono una delle sedi di Biennale Democrazia con tre impotanti appuntamenti:

  • Giovedì 28 marzo alle ore 18.00 il Segretario Generale MassimoLapucci interviene all'incontro "La casa comune europea e la filantropia a sostegno dei valori della democrazia" promosso da European Foundation Centre nell'ambito di OGR Public Program.
  • Nella serata di venerdì 29 marzo la Sala Fucine delle OGR ospiterà THREE LETTERS FROM SARAJEVO, un concerto di Goran Bregović accompagnato dai 18 elementi della Wedding & Funeral Orchestra. Sarajevo diventa metafora dei nostri tempi con le sue credenze, le sue identità̀, i suoi paradossi, le sue contraddizioni. Il concerto è organizzato con la produzione di Mauro Diazzi, nell’ambito di OGR Public Program.
  • Domenica 31 marzo appuntamento alle OGR per lo spettacolo di chiusura della VI edizione di Biennale Democrazia, ispirato a un grande libro della letteratura italiana: “Le città invisibili” di Italo Calvino. Sarà Lella Costa a guidare il pubblico in un’avventura fatta di carovane, spezie e deserti, dove le città sbiadiscono agli occhi, dove reale e irreale, dritto e rovescio, visibile e invisibile appaiono inestricabili. Lo spettacolo è organizzato nell’ambito di OGR Public Program; la scenofonia è di Roberto Tarasco, il videopainting a cura di Stefano Giorgi e la produzione di Angelo Giacobbe/ Nidodiragno/CMC.

 

Per partecipare a Biennale Democrazia e consultare il programma in dettaglio http://biennaledemocrazia.it/.