Iniziativa Lavoro

Previous Next

Iniziativa Lavoro – nelle quattro edizioni susseguitesi tra il 2015 ed il 2018 – ha facilitato l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, agevolando il contatto con le aziende da parte di donne, uomini e giovani alla ricerca di un impiego.

Nel 2019 il bando è stato sospeso, con l’intenzione di sottoporre gli interventi nel campo delle politiche attive del lavoro - ambito complesso e posto ai margini delle competenze operative delle Fondazioni di origine bancaria - ad una profonda rivalutazione basata su tre elementi:

 

  • analisi delle prime valutazioni di effetto, 
  • ponderazione delle mutate condizioni del mercato rispetto alla fase di gestazione e prima implementazione del bando, risalente ormai al 2014/15,
  • entrata in funzione delle profonde trasformazioni che la legislazione nazionale collegata al reddito di cittadinanza ha indotto sul mercato del lavoro e sulla infrastrutturazione dei Centri per l’Impiego, non ancora completamente a regime oggi.

Lo scenario è tuttavia mutato improvvisamente per i radicali impatti che il dispositivo di contrasto alla pandemia di Covid-19 lascerà in eredità alla fase successiva all’emergenza su versanti anche molto difficili da inquadrare e, tra questi, sul mercato del lavoro. In tale prospettiva la riproposizione per quanto aggiornata del bando Iniziativa Lavoro non è perseguibile, anche se l'esperienza maturata servirà in futuro a definire modi di intervento, anche in questo campo, del tutto differenti.

STRUTTURA E FUNZIONAMENTO DEL BANDO (2015-2018)

Iniziativa lavoro ha funzionato come un “acceleratore” rivolto a: giovani con meno di 29 anni in cerca di primo impiego e con profili di qualificazione media e medio bassa; donne e uomini in condizione di disagio lavorativo, senza limiti di età né precedente occupazione; persone interessate a tornare a lavorare dopo periodi senza ricerca attiva.

Tramite i progetti proposti da enti e associazioni non profit – costituiti in partenariato locale con aziende, centri per l’impiego, agenzie formative, agenzie accreditate dalla Regione per i servizi al lavoro – Iniziativa Lavoro ha consentito l’attivazione di oltre un migliaio di job opportunity, attraverso il disegno di percorsi di accompagnamento personalizzati: attività di (ri)costruzione delle competenze di accesso al mercato (orientamento professionale, consulenza, tutoraggio, conoscenza dello status normativo, ecc.), formazione specifica comprendente anche la sicurezza sul lavoro, periodo di tirocinio in un’impresa o di avvio al lavoro autonomo.

Grazie alla diffusione del progetto, in grado di attivare e anche stabilizzare nel tempo, micro-reti locali generative di collaborazioni inedite nella costruzione dei percorsi di accompagnamento e capaci di interpretare l’obiettivo di realizzare una sperimentazione di welfare tailor-made nell’ottica di ciò che oggi va riconoscendosi come “welfare di comunità”.

Gli inserimenti lavorativi nelle riguardano ad oggi (gennaio 2019) per l’80% adulti in attesa di ricollocazione o inattivi, e per il restante 20% giovani under 29 in cerca di primo impiego. Il 90% sono posti in azienda, a fronte di un 10% di opportunità di lavoro autonomo, nei diversi settori produttivi: dall’agricoltura alla ristorazione e all’ospitalità turistica, dalle aziende web related alla manifattura, dall’artigianato ai servizi alle imprese e alla persona. Si tratta di dati ancora in evoluzione, poiché i progetti finanziati nel 2018 sono in parte cin corso, in parte in fase di avvio entro il primo semestre 2019.

Iniziativa Lavoro è stato accompagnato da un processo di valutazione costante dell’implementazione e soprattutto dell’esito occupazionale sul medio periodo (estendibile al lungo, poiché il monitoraggio dei soggetti coinvolti continuerà), nonché degli effetti: intendendo con questi ultimi la verifica della reale capacità dei singoli progetti finanziati di prendere in carico soggetti mediamente più svantaggiati e l’analisi della permanenza al lavoro dei soggetti presi in carico, rispetto a quelli primi esclusi nelle selezioni dei singoli progetti. 

MATERIALE BANDO 2018

Restano disponibili sul sito i materiali relativi alle ultime edizioni del bando sia per la consultazione e sia per l’utilizzo da parte dei partenariati che stanno ancora lavorando sui progetti, alcuni dei quali si sarebbero dovuti concludere a metà 2020, ma potranno avvalersi per completare correttamente le attività della generale proroga di 12 mesi dei termini di utilizzo dei contributi.

I risultati dell’ultimo bando 2018  sono ancora consultabili (prima sessione e seconda sessione)

Anche la documentazione di presentazione è ancora consultabile:

Gli schemi seguenti, sono ancora utilizzabili da chi ha in corso progetti per i quali debba procedere a subentri di partner o aziende o ulteriori riformulazioni come puntualmente previsto dal bando: