Sul palco del Teatro Nuovo di Torino i vincitori del progetto Diderot per la matematica e il computing

Previous Next

Sono stati i migliori tra gli oltre 10mila studenti del Piemonte e della Valle d’Aosta che, nell’ultimo anno scolastico, hanno partecipato alle quattro linee didattiche del progetto Diderot della Fondazione CRT dedicate alla matematica e al computing. I 50 vincitori – dalle medie al primo anno di Università – sono stati premiati al Teatro Nuovo di Torino, sabato 17 settembre, con insegnanti, divulgatori e famiglie, alla presenza del vice Segretario della Fondazione CRT Annapaola Venezia e del Consigliere di Indirizzo Ugo Curtaz.

I primi tre classificati per la linea Digital Mate Training (che ha coinvolto complessivamente 3.573 studenti delle scuole secondarie) sono stati:

  • Matteo Palmieri del Liceo Galileo Ferraris di Torino, 
  • Nicolò Parola del Liceo Peano Pellico di Cuneo  
  • Beatrice Alessandra Motetti del Liceo Galileo Ferraris di Torino.

 A seguire, Corrado Verdone del Liceo Botta di Ivrea, Giacomo Cortese dell’Istituto Quintino Sella di Biella, Nikolai Slav del Liceo Galileo Ferraris di Torino, Michele Pettiti dell’Istituto Quintino Sella di Biella, Martino Fenoglio dell’Istituto Cigna di Mondovì.

Il premio Diderot della Fondazione CRT per Young Math Academy (linea didattica cui hanno partecipato in tutto 2.169 ragazzi) è andato a quattro scuole superiori:

  • Liceo Arimondi-Eula di Savigliano e Liceo Galileo Ferraris di Torino (pari merito al primo posto),
  • Istituto Sobrero di Casale Monferrato e all’Istituto Avogadro di Vercelli (pari merito al secondo posto).


Programmo Anch'io (la linea dedicata al computing che ha coinvolto 4.771 studenti di medie e superiori) ha “incoronato” quattro squadre di studenti:

  • per la categoria Junior hanno vintoYounes Faidari, Mattia Leo Inturri e Stefano Lo Curto dell’Istituto Perotti-Maritano di Torino, mentre al secondo posto si sono classificati Giacomo Canta, Michael Gallo e Matteo Ottone dell’Istituto Castell’Alfero in provincia di Asti.
  • Per la categoria senior hanno vinto Niccolò Beneforti, Federico Chiodo e Gianluca Servodidio del Liceo Scientifico e Linguistico Berard di Aosta, seguiti da Samuele Carrea, Fabrizio de Bernardi, Claudio Pasciucco e Matteo Roncoli del Liceo Scientifico Amaldi di Novi Ligure.


Il premio Alfa Class è andato ai migliori studenti del primo anno del Politecnico e dell’Università degli Studi di Torino che si sono contraddistinti per le loro grandi abilità matematiche. Prima classificata, per la “caccia al tesoro matematica”, la squadra composta da Andrea Dal Zotto, Matteo Durante, Gael Finauri, Valentina San Vido, Erik Servidio. Al secondo posto la squadra con Mariachiara Bo, Michele Da Re, Rosa Marchesini, Andrea Megaro, Martina Montagnini, Lorenzo Ridone, mentre al terzo posto il team di Simone Albanesi, Giulia Bracco, Andrea Costa, Marco Hollò, Alberto Mecca, Matteo Rossi.

Sul gradino più alto del podio per i premi a squadre Alfa Class sono saliti Fabio Buccoliero, Claudio del Sole, Riccardo Roma; al secondo posto Mattia Luchese, Roberto Pizzo, Giovanni Siclari e, al terzo posto, Matteo Durante, Gael Finauri, Erik Servidio.

I premi individuali sono andati a Fabio Buccoliero (1° classificato), Matteo Durante (2°), Claudio del Sole (3°), Lorenzo Ranieri (4°).

Giunto all’undicesima edizione, il progetto Diderot ha interessato finora circa 650.000 studenti del Piemonte e Valle d’Aosta, tra i 6 e i 20 anni, per un investimento complessivo della Fondazione CRT di 16,5 milioni di euro. Offre ai ragazzi una duplice opportunità: approfondire le materie tradizionali con metodologie innovative e, nello stesso tempo, avvicinarsi in modo creativo e stimolante a discipline non sempre inserite nei programmi curricolari.

 

Guardate le immagini della serata su Facebook