"Diventare medici con l'Africa" 108 le borse della Fondazione CRT

Previous Next

Perché un giovane studente di Medicina sceglie di trascorrere un periodo in Africa? Cosa trova in un’esperienza così forte e lontana? A due anni dall'avvio del progetto “Diventare Medici con l’Africa”, nato da una collaborazione tra Medici con l’Africa Cuamm, Fondazione CRT e SISM (Segretariato italiano studenti Medicina), si è tenuto il 21 maggio 2018 a Torino, in OGR, un evento per fare il punto dell’esperienza e rilanciare sull'ultima fase del progetto: sono già 80 gli studenti partiti verso l'Africa grazie alle borse della Fondazione CRT; ancora 20 le posizioni aperte fino a fine anno.

 «L’aspetto che più mi interessa è quello della scelta: la scelta che compiono questi giovani, emotiva e avventurosa, comporta un grande investimento sul piano emozionale, comporta stupore, un sentimento di scoperta. È importante in un tempo come questo in cui le scelte sono spesso poco impegnative e poco radicali, talvolta inefficaci, vedere dei giovani ventenni che, contrariamente a quanto dicono i media, sono capaci di questo tipo di scelte che cambiano, le persone prima che la realtà che le circonda. Sono giovani, quelli che ho incontrato e conosciuto, che fanno esperienze diverse, senza per questo sentirsi salvatori del mondo, ma semplicemente mettendosi in gioco fino in fondo», così Paolo Di Paolo, scrittore e giornalista di La Repubblica, apre le riflessioni e le testimonianze a Torino.

 «Fondazione CRT ha dato a 108 studenti di Medicina la possibilità di vivere un’esperienza sul campo in Africa – afferma la Vice Presidente della Fondazione CRT, Anna Ferrino – per favorirne l’inserimento lavorativo in ambito sanitario, renderli promotori del diritto alla salute, arricchirne le competenze professionali e umane, grazie al confronto con un contesto sociale profondamente diverso da quello italiano ed europeo. Sono i giovani i nostri 'ambasciatori' nel mondo dell'importanza di costruire ponti e non muri”.

«Ad ottobre 2016 ho avuto la grande opportunità di partecipare al Wolisso Project, una delle esperienze che sicuramente mi è rimasta più impressa. Non potrò mai dimenticare i sorrisi degli abitanti e dei lavoratori di Wolisso, così come non potrò mai scordare l’importanza che questo progetto ha avuto per la mia formazione come futuro professionista della sanità e come futuro cittadino ed essere umano»: è il bilancio che fa Umberto Rossi, studente di Medicina di Cuneo, presidente nazionale del SISM.

Il direttore di Medici con l’Africa Cuamm ha sottolineato i dati più significativi del progetto e rilanciato sul futuro: «I riscontri che abbiamo sono molto positivi ed entusiasti. I giovani possono sperimentare il lavoro in diversi reparti, dalla Pediatria alla Maternità, alla Chirurgia, senza dimenticare la dimensione del territorio. Sono esperienze indelebili che li aiutano a crescere come persone e come professionisti – ha detto don Dante Carraro, direttore di Medici con l’Africa Cuamm –. Questo progetto si inserisce in una collaborazione che abbiamo avviato nel 2005 insieme al SISM nazionale e finora ha visto ben 195 studenti di Medicina fare un’esperienza in uno degli ospedali in cui operiamo. Il nostro grazie va, in particolare, alla Fondazione CRT: attraverso il suo sostegno, ad oggi, ben 80 giovani studenti di Medicina (62 ragazze e 18 ragazzi) sono partiti per l’Etiopia e la Tanzania. Al termine di quest’anno saranno in tutto 108. La nostra speranza è che la collaborazione possa trovare forme e modalità nuove, perché investendo sui nostri giovani e sulle loro motivazioni, possiamo costruire un futuro migliore, sia in Africa che qui in Italia».

Per iscriversi e candidarsi alla selezione: www.wolisso.sism.org