La Fondazione CRT “illumina” Torino e il Capodanno

Previous Next

Torino, 29 ottobre 2015 – Al via la XVIII edizione di Luci d’artista: dal 31 ottobre 2015 al 10 gennaio 2016 Torino si accende. Con uno stanziamento di 250 mila euro, la Fondazione CRT illumina la città e il grande evento di Capodanno, arricchendo le 25 installazioni nelle strade e nelle piazze con la nuova opera “Migrazione” (Climate change) di Piero Gilardi, in Galleria Subalpina.

“La Fondazione CRT accompagna il percorso di Luci d’Artista sin dal suo avvio, 18 anni fa – afferma Fulvio Gianaria, Vice Presidente della Fondazione CRT – tre sono gli elementi chiave della manifestazione, che si pongono in linea con i nostri obiettivi: la continuità della sua proposta, capace di creare affezione nel pubblico; la sinergia tra i partner, esempio virtuoso di collaborazione pubblico-privato; la fruizione aperta e pubblica dell’arte, che esce dai musei e diventa opera a cielo aperto”.

La Fondazione ha sostenuto Luci d’Artista sin dalla sua nascita: complessivamente, circa 5 milioni di euro per un’iniziativa che valorizza la città, attrae cittadini e turisti e porta l’arte in strada. Si tratta di un appuntamento inserito nel programma di Contemporary Art Torino + Piemonte, che raccoglie ogni anno molteplici eventi legati all’arte contemporanea e che riceve il sostegno della Fondazione CRT e della Fondazione per l’Arte moderna e Contemporanea CRT.

LE LUCI

L’edizione 2015-16 - che vedrà accendersi 25 installazioni, di cui 20 appartenenti alla collezione di Luci d’Artista - è caratterizzata da:

• l’allestimento della nuova opera Migrazione dell’artista Piero GILARDI in Galleria Subalpina, realizzata grazie al contributo della Fondazione CRT

• il riallestimento di 13 Luci della collezione

• la manutenzione di 6 lavori permanenti (che non si stoccano al termine dell’evento)

• l’ospitalità di Mosaico di Enrica BORGHI (via Montebello e via Verdi) e Il Mito di Nello FERRIGNO (via San Francesco d’Assisi) provenienti dalla Città di Salerno

• l’accensione di altri tre progetti, Mattang Lucente della rete celeste di Gaia (piazza Castello), Mai visti e Altre storie di ARTECO e Atelier dell’Errore (piazza IV marzo) e Lumen Flumen a cura dell’Associazione Culturale Nomen Omen (facciata del Palazzo Servizi Sociali, Lungo Dora Savona)

Le opere della collezione che si potranno ammirare quest’anno sono: Vele di Natale di Vasco ARE in via Lagrange; Ancora una volta di Valerio BERRUTI in via Accademia delle Scienze; Palle di neve di Enrica BORGHI in via Carlo Alberto; Volo su… di Francesco CASORATI in via Pietro Micca e via Cernaia; Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime  di Nicola DE MARIA in piazza San Carlo; Giardino Verticale, Giardino Barocco, Come se a Torino ci fosse il mare e La Maschera di Richi FERRERO in via Alfieri 6-Palazzo Valperga Galleani; L’energia che unisce si espande nel blu di Marco GASTINI in Galleria Umberto I (Porta Palazzo); Planetario di Carmelo GIAMMELLO in via Roma; Migrazione - Piero GILARDI (nuova opera) in Galleria Subalpina; Illuminated Benches di Jeppe HEIN in piazza Carignano; Piccoli Spiriti Blu di Rebecca HORN al Monte dei Cappuccini; Cultura=Capitale di Alfredo JAAR in piazza Carlo Alberto 3 (facciata Biblioteca Nazionale); Luì e l’arte di andare nel bosco di Luigi MAINOLFI in via Garibaldi; Il volo dei numeri di Mario MERZ sulla cupola della Mole Antonelliana; Vento solare di Luigi NERVO  Porta Palatina; L’amore non fa rumore di Domenico Luca PANNOLI in piazza Bodoni; Palomar di Giulio PAOLINI in via Po; Amare le differenze di Michelangelo PISTOLETTO sull’Antica Tettoia dell’Orologio a Porta Palazzo; My noon di Tobias REHBERGER in piazza Palazzo di Città (accesa tutto il 2015 in omaggio al gemellaggio “Torino incontra Berlino”) e Luce fontana ruota di Gilberto ZORIO al Laghetto Italia ’61.

NUOVA INSTALLAZIONE: La novità di questa edizione è l’opera Migrazione (Climate change) dell’artista torinese Piero GILARDI, direttore artistico del PAV, Centro sperimentale d’arte contemporanea, realizzata grazie al contributo della Fondazione CRT. Il progetto si riferisce alle grandi migrazioni animali causate dal riscaldamento globale. Nell’installazione è rappresentato uno stormo di pellicani che migra in volo alla ricerca di climi più freschi. Sono disegnate 12 sagome di pellicani sospesi all’interno della Galleria.

OPERE OSPITI Nell’ambito del progetto Luci d’Artista sono ospitate 2 opere dalla Città di Salerno: -  Mosaico di Enrica BORGHI - l’opera era già stata ospitata con grande successo a Torino durante l’edizione 2009/2010 - via Montebello e via Verdi -  Il Mito di Nello FERRIGNO - via San Francesco D’Assisi

ALTRE LUCI IN CITTÀ -  Mattang Lucente di La rete celeste di Gaia – Ideazione, Ugo Locatelli; curatela scientifica INAF, Mariateresa Crosta; lighting design, Davide Groppi – piazza Castello -  Mai visti e Altre storie di ARTECO e Atelier dell’Errore - Progetto di valorizzazione dell’arte irregolare in piazza IV marzo - Una serie di insegne luminose bifacciali che popolano la piazza di animali rari e meravigliosi; un Bestiario di luce realizzato dall’Atelier dell’Errore, laboratorio di Arti Visive per la Neuropsichiatria Infantile, ideato e condotto da Luca Santiago Mora, dove si disegnano solo animali, dove il contrario di ‘guardare’ è ‘vedere’ e il contrario di ‘normale’ è ‘speciale’. Per gentile concessione di Fondazione MAI di Sospiro (CR). www.associazionearteco.it   www.atelierdellerrore.org   -  Lumen Flumen  (17 dicembre 2015 - 31 gennaio 2016) - Guizzi di luce sollecitano l’attenzione del passante ai luoghi e testimoniano la necessità a costruire un territorio migliore. Uno scorcio bellissimo che ha stimolato la fantasia dei giovani artisti torinesi che hanno dato corpo a questa settima edizione di Lumen Flumen. A cura dell’Associazione Culturale Nomen Omen. Sulla facciata del Palazzo Servizi Sociali,  Circoscrizione 7 - Lungo Dora Savona

 

A GREAT SYMPHONY FOR TORINO

A Great Symphony for Torino è un progetto realizzato dall’Associazione Culturale Situazione Xplosiva per il British Council. Dal 31 ottobre 2015 al 10 gennaio 2016, 15 composizioni di giovani e talentuosi musicisti italiani e internazionali danno vita a un'esclusiva colonna sonora per i più suggestivi luoghi di interesse storico e contemporaneo della città di Torino, sotto la direzione artistica del britannico Steve Goodman, in arte Kode9, musicista e produttore, saggista e PhD in filosofia, fondatore dell’etichetta Hyperdub. Nove brani di musica elettronica dialogheranno con altrettante installazioni di Luci d’Artista. La sinfonia sarà ascoltabile in streaming tramite smartphone e tablet fotografando il QR-Code nelle aree corrispondenti, oppure visitando il sito ufficiale http://agreatsymphony.net

Elenco i luoghi di Luci d’Artista e i rispettivi musicisti impegnati nella sonorizzazione: • PIAZZA BODONI: Dave Saved (Italia, Astro:Dynamics) • PIAZZA SAN CARLO: IED Milano (studenti di Sound Design/docente Painé Cuadrelli) • PALAZZO NUOVO: Scratcha DVA (Gran Bretagna, Hyperdub) • PIAZZA CARLO ALBERTO: IED Milano • GALLERIA UMBERTO I: Bienoise • PIAZZA PALAZZO DI CITTÀ: 2L8 • PIAZZA CARIGNANO: OOBE • MONTE DEI CAPPUCCINI: Morkebla (Luce d’Artista n.11) • PIAZZA CASTELLO: Kode9 (Gran Bretagna, Hyperdub) Dal 5 al 7 novembre  2015 visite guidate ai Totem (info e prenotazioni www.clubtoclub.it)