Indovina chi viene a cena?

Previous Next

E' possibile prenotarsi per partecipare all'ultimo apputamento -  sabato 28 aprile - di "Indovina chi viene a cena?", il progetto, sostenuto da Fondazione CRT sin dalla sua prima edizione nel 2011, nato dall'incontro fra la Rete Italiana di Cultura Popolare e alcune famiglie migranti, che ha riscontrato un crescente successo ed è oggi diventato permanente ed anche esportato in altre Regioni. Un modo per conoscersi e condividere partendo proprio dal cibo e dalla convivialità.

Spalancare le porte di casa è il gesto di massima fiducia e di apertura verso l’altro, il diverso da sé: famiglie da tutto il mondo aprono le porte delle loro case per ospitare cittadini italiani e invitarli a condividere i loro piatti tipici e la loro cultura e offrono una cena speciale, familiare, pensata per chi ha la “curiosità” d’incontrare un “altro”. Questa semplice esperienza di prossimità abbatte quel muro di diffidenza creato dalla non conoscenza, dalla paura di una cultura diversa. A tavola accade qualcosa di "magicamente" normale: si parla di figli, di scuola, lavoro, di cinema e musica, scoprendosi talmente simili che poi si diventa amici e ci si continua a frequentare anche dopo. Basta una cena per viaggiare dal Marocco alla Cina, dalla Romania e dall’Argentina, dall’Afganistan all’Etiopia, riportando a casa storie di terre e di persone.

“Indovina chi viene a cena?” è dunque un progetto di relazione.

Dal 2012 il progetto è diventato permanente, prevedendo una programmazione annuale e sviluppandosi in maniera diffusa in tutti quei territori aderenti alla Rete che scelgono di progettarlo. L’attività si concretizza in un percorso di cene all'interno delle case private dei nuovi cittadini, ma da quest'anno anche dei richiedenti asilo. Le famiglie aprono la propria casa per ospitare a cena un gruppo di persone interessate a conoscere la cultura, le tradizioni e la cucina del loro paese di origine.

Tutte le informazioni e le modalità per prenotarsi sono disponibili sul sito della Rete Italiana di Cultura Popolare a questo link.