Presentato Impact Hub Scaling

Previous Next

Torino, 14 giugno 2016 – Si è tenuto presso la Fonderia Napoleonica a Milano l’evento conclusivo del programma Impact Hub Scaling organizzato dal network Impact Hub per favorire lo sviluppo su scala internazionale di social enterprises con vocazione sociale e l’applicazione delle loro innovazioni su tutto il territorio dell’Unione Europea. Per la Fondazione CRT era presente il Segretario Generale Massimo Lapucci.


Il progetto ha coinvolto in particolare otto sedi della rete europea di Impact Hub: Milano, Amsterdam, Atene, Bucarest, Londra, Madrid, Stoccolma e Vienna. Il programma ha coinvolto 100 imprese con focus sull’innovazione sociale, di cui 12 italiane, che sono state protagoniste di un percorso della durata di un anno. Un team di mentor ed esperti ha sostenuto le imprese fornendo competenze e consulenza per trovare le più efficaci soluzioni di crescita, tra le quali anche progetti di joint venture o franchising.


A rendere possibile il programma è stato anche il supporto di quattro Fondazioni, Fondazione CRT, Fondazione JP Morgan, Fondazione Cariplo e Fondazione Stavros Niarchos, che hanno messo a disposizione complessivamente 1,5 milioni di Euro.
Il report sul programma, presentato in sede di evento, ha rilevato che Impact Hub Scaling ha aiutato 3.500 persone ad accedere al mercato del lavoro e ha avuto un impatto su più di 300.000 beneficiari in tutta Europa.

Allo stesso tempo il progetto è stato molto utile per far capire agli imprenditori se lo sviluppo internazionale possa essere effettivamente la giusta scelta per le proprie aziende. Le social enterprises hanno quindi segnalato miglioramento del proprio fatturato, acquisizione di know-how, nuove assunzioni, e fiducia da parte del mercato. È emerso inoltre che le imprese sociali di successo hanno ricevuto finanziamenti più facilmente e rapidamente dagli investitori tradizionali piuttosto che dagli investitori sociali.
Impact Hub Scaling può svolgere un importante ruolo nel mettere in evidenza le imprese che hanno avuto successo nel loro sviluppo internazionale e quindi creare degli esempi virtuosi in grado di attirare capitali non solo su di esse ma anche più in generale sul settore.

Al centro dell’evento conclusivo quindi anche il dibattito su come rafforzare le infrastrutture pubbliche e private al fine di individuare innovazioni con un impatto significativo sulle sfide sociali e ambientali del nostro continente e replicarle in altri Paesi dell’Unione Europea. A intervenire sono stati diversi esperti in rappresentanza di Fondazioni, Centri di Ricerca, Fondi di Investimento e Istituzioni.

Visti i positivi risultati della prima edizione e il conseguimento di tutti gli obiettivi prefissati, è in fase di valutazione il lancio di un secondo Impact Hub Scaling che possa coinvolgere in modo esteso la rete globale di quest’ultimo.

 

<