In scena al Teatro Carignano di Torino l'Opera Show La Vestale di Elicona per i 25 anni della Fondazione CRT

Previous Next

E' andata in scena al Teatro Carignano di Torino, giovedì 15 giugno, l’opera show “La Vestale di Elicona”, appositamente elaborata per la Fondazione CRT che ha da poco tagliato il traguardo dei 25 anni. Lo spettacolo mette insieme alcune tra le più belle arie della lirica con un libretto inedito, basato sulla struttura del mito classico. La nuova pièce è scritta e diretta da Mario Acampa, in una produzione dell’Accademia Perosi, con musiche dal vivo dell’Orchestra dei Talenti Musicali della Fondazione CRT sotto la direzione di Michele Spotti.

Voce narrante è Giorgia Surina. Sul palco due giovani attori, Elisa Lombardi e Gennaro Iaccarino, fanno da contraltare alle voci liriche, anch’esse giovani: Valentina Iannone, Claudia Sasso, Marco Ciaponi, Evans Tonon. Le scenografie sono di Francesco Boerio, le coreografie di Raphael Bianco per i ballerini di Egri Bianco Danza.

Le scenografie di Francesco Boerio e le coreografie di Raphael Bianco a vantaggio dei ballerini di Egri Bianco Danza imprigionano la vicenda sul monte Elicona, luogo in cui gli dei dell’arte, stanchi del male che gli uomini si fanno sulla Terra, decidono di ritirarsi. Finalmente il giovane Aristeo, animato dall’intenzione di convincere le divinità a salvare ciò che resta di un mondo ormai sprofondato nello sconforto, decide di affrontarli. A proteggere e custodire Melete, Arche, Aede e Tersi, dei divertenti e sbadati quanto imperfetti, la bellissima vestale Armònia, vera eroina dello show.

L’intreccio alterna il messaggio aulico del riportare l’arte sulla Terra, alle dinamiche di due ragazzi che si trovano accomunati dalle stesse inquietudini, gli stessi dubbi, le stesse necessità.
Le vicende sono narrate da una musica universale quanto la loro storia, la musica lirica. Le emozioni viscerali, i bisogni e gli archetipi umani che trasmette ci uniscono e risuonano come un ricordo comune anche quando le arie d’opera vengono impunemente strappate dai loro libretti originali. Un pensiero risuona fra le pareti del teatro: “Riconosci ciò che sei nel cuore del tuo essere e cerca di diventarlo”. Riusciranno i nostri eroi a diventare davvero le persone che vorrebbero essere?