Rapporto "Arte e cultura nel cuore della filantropia"

Previous Next

E' stato pubblicato il rapporto "Arte e cultura nel cuore della filantropia": la prima mappatura di EFC che fotografa le erogazioni delle Fondazioni Europee nel settore. Lo studio, avviato dal gruppo di lavoro tematico Arte e cultura dell'EFC, si basa sulle risposte di 40 organizzazioni filantropiche operanti in 15 paesi europei.

Le risorse destinate dalle fondazioni intervistate per interventi nel settore dell'Arte e della cultura ammontano annualmente a 900 milioni di euro, ovvero oltre il 20% della spesa totale delle organizzazioni partecipanti.

Ma emerge chiaro nel report come il contributo della fondazioni vada oltre al “financial support” per includere elementi determinanti la crescita del settore artistico e culturale come “capacity building” e facilitazione nella costruzione di network strategici.

Sebbene l'operatività delle Fondazioni in questo settore si concentri per lo più su interventi localizzati nel proprio territorio, con marcate differenze di focus tematici e metodologie impiegate (dal granting alla coprogettazione, alla messa a disposizione di competenze), la costruzione di partenariati e il sostegno alle collaborazioni internazionali sono elementi che accomunano l'approccio delle Fondazioni a livello europeo, così come l'interesse a favorire lo sviluppo di ambiti multidisciplinari e trasversali, accanto ai comparti tradizionali e il sostegno a progetti di medio-lungo periodo (dai tre ai dieci anni in media).

Riguardo al target di beneficiari, le Fondazioni in Europa sembrano concentrarsi più su interventi diretti a bambini e giovani, anche se la maggior parte dei progetti sostenuti non si rivolge a gruppi specifici, ma mira piuttosto a raggiungere tutti i cittadini e il pubblico in generale per avvicinare le persone all'arte e alla cultura.

Per loro natura, le fondazioni sono in grado di accettare sfide pionieristiche sostenendo attività tradizionalmente meno supportate dagli attori istituzionali o dal comparto profit, e, grazie allo sguardo di ungo periodo, spesso tentano di creare modelli che possano poi essere condivisi e replicati in altri contesti o sfere. Alcune delle iniziative che hanno visto impegnate le singole fondazioni nel contesto locale sono infatti già state replicate con successo in altri paesi o in altre discipline.

C'è un sempre crescente interesse nella costruzione di basi di conoscenza condivise e nell'utilizzo dei big data per l'implementazione di nuovi progetti, la condivisione dei competenze e la sensibilizzazione verso il settore. 

Nella sua prefazione alla pubblicazione, Massimo Lapucci, presidente EFC e Segretario Generale della Fondazione CRT - una delle organizzazioni fondatrici della Rete tematica Arte e cultura - dichiara: "La necessità di prendersi cura della cultura, di proteggerla e di trasmetterla alle generazioni future, è il campo in cui diventa evidente l'azione della filantropia innovativa. Con la nostra capacità di pensare e lavorare a lungo termine, possiamo contribuire a costruire ponti tra le generazioni per garantire che la cultura sia al tempo stesso una ricchezza da valorizzare nel presente ma anche un'eredità da apprezzare in futuro ... La cultura conta. Ha sempre contato e sempre conterà, in una società civile".