Il Progetto OGR in Europa tra exhibition, Realtà Virtuale e presentazioni all'AGA di EFC

Previous Next

Il Progetto OGR "vola" a Bruxelles per la Conferenza annuale dello European Foundation Center (EFC), il network della filantropia istituzionale che riunisce oltre 300 organizzazioni di circa 40 Paesi, inclusi gli Stati Uniti, ed è presieduto dal Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci.

La Conferenza 2018 dell'EFC, il più grande evento internazionale sulla filantropia che coinvolge circa 600 rappresentanti del settore, per il 2018, Anno Europeo del Patrimonio culturale, la Conferenza si intitola “Culture Matters. Connecting Citizens & uniting communities”  e si focalizza sul patrimonio culturale come un ponte che unisce il passato al futuro e connette le persone, fino a generare un sentimento di appartenenza. La cultura è vista come eredità che però non si possiede, ma che deve essere trasmessa alle generazioni future. È qui che la natura unica della filantropia istituzionale può garantire che la cultura sia, al tempo stesso, un bene di cui beneficiare oggi, ma anche un'eredità da trasmettere alle generazioni future.


Il Progetto OGR è stato scelto per essere presente alla mostra "Culture Matters: Preserving Heritage and Transforming Spaces" allestita alla Philanthropy House, la "casa" della filantropia europea fino al 5 settembre 2018. 

La mostra si concentra sul ruolo che il patrimonio culturale svolge nel plasmare e definire le società. Permeando le generazioni attraverso l'arte, la letteratura, la musica, il cibo, l'architettura, i costumi, i valori, le abilità e le conoscenze, il patrimonio culturale è il tessuto della società che crea identità e comunità. La mostra presenta una selezione di 16 progetti di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale promossi e sostenuti da diverse importanti fondazioni in Europa, che hanno saputo preservare il passato rigenerandolo e mettendolo a disposizione dei cittadini. Il Progetto OGR rientra a pieno titolo tra questi "modelli" di intervento e i visitatori hanno modo di scoprirlo anche attraverso la presenza del plastico realzizato in fase progettuale che consente di abbracciare l'intera struttura in una visione d'insieme.

Inoltre i delegati partecipanti alla Conferenza di EFC avranno un'occasione in più per scoprire le OGR: nella sede dei lavori infatti è stata allestita una postazione di Realtà Virtuale che consente di scoprire le OGR dei primi anni del '900, ovvero il periodo di massimo splendore delle Officine. Un'esperienza immersiva che dà modo di vivere l'atmosfera dell'Officina, i suoi rumori, la vita degli operai, l'organizzazione del lavoro. Si tratta di una presentazione in anteprima che sarà resa disponibile prossimamente alle OGR in un'area dedicata alla storia centenaria delle Officine.

Le nuove OGR e il grande progetto di riqualificazione realizzato dalla Fondazione CRT che ne ha permesso la riapertura a settembre 2017 sono stati presentati in dettaglio nella sessione dell'AGA  "How to create cultural hubs for the whole city" dal Direttore Artistico Nicola Ricciardi, insieme ad altri due importanti esempi di nuovi "luoghi" della cultura diventati molto popolari sia per i cittadini che per i vistitatori in Europa: the House of Literature (Litteraturhuset) aperta nel 2007 e The Centre (Sentralen) in 2014, entrambi a Oslo. La sessione ha esplorato, dalla duplice prosettiva degli operatori culturali e da quella degli utilizzatori, quali sono gli ingredienti necessari per creare un centro culturale accessibile a tutti.