Fondazione CRT sostiene il Festival delle Culture Popolari

Previous Next

Dal 9 al 12 novembre 2018 a Torino si tiene la XIII° Edizione del Festival delle Culture Popolari, promosso daIla Rete Italiana di Cultura Popolare con il sostegno della Fondazione CRT che, in più di dieci anni, ha investito complessivamente oltre un milione di euro.

Il tema del festival “Raccontare, Raccontarsi” pone l’accento sull’ascolto e sul dialogo con l'altro, con le comunità territoriali, per mettere in luce le loro necessità e risorse: dal progetto Colibrì per l’attivazione di comunità al Portale dei Saperi, dal lavoro sulle parole del Fondo Tullio De Mauro, all'integrazione attraverso la condivisione di cibo e sapori di  "Indovina chi viene a cena?", alla collaborazione con le scuole.

Oltre ai temi sopra richiamati, il festival propone tanti appuntamenti che spaziano dal cinema, con la satira pungente del Terzo Segreto di Satira, alla Notte bianca dei bambini fino alla riflessione sulla parola “razza” al Fondo De Mauro, a 80 anni dalle leggi razziali, con Francesco Cavalli-Sforza. Un Festival pieno di racconti e di azioni che mobilitano e cambiano le comunità in cui nascono.

Sabato 10 novembre alle ore 20.30 con Indovina chi viene a cena?”  i nuovi cittadini aprono le aprono le porte delle proprie case a chi desidera abbattere le barriere culturali tramite il rito più antico del mondo: mangiare insieme (la prenotazione è obbligatoria a info@reteitalianaculturapopolare.org). Questo progetto, nato a Torino nel 2011 e sostenuto sin dalla prima edizione dalla Fondazione CRT, è divenuto un modello esportato sul territorio nazionale. Domenica 11 novembre 2018 alle ore 11.00 presso il Fondo Tullio De Mauro (Via dell'Arsenale 27, Galleria Tirrena, scala E) tutti i territori che hanno aderito si incontrano nel Primo Forum Nazionale di "Indovina chi viene a cena?": da Torino a Verona, da Reggio Emilia a Matera, da Napoli a Messina.

Sabato 10 novembre sarà possibile partecipare a "Dona la voce" un progetto ideato con Tullio De Mauro per valorizzare il patrimonio materiale e immateriale delle lingue e delle parlate, ma sopratutto per dare dignità alle cultulre locali. Chiunque lo desideri potrà recarsi presso la sede del Fondo e registrare un messaggio leggendo nella propria lingua madre o nel proprio dialetto una poesia, un racocnto, una filastrocca, un proverbio o un modo di dire che si trova nella biblioteca del Fondo. 

La Fondazione CRT ha anche avviato negli anni scorsi la realizzazione di Colibrì, che comprende, tra l'altro, il primo archivio digitale in Italia per la raccolta dei saperi dei migranti e dei nuovi cittadini, patrocinato dal Consiglio d’Europa e dal Network delle città italiane interculturali e che verrà presentato ufficialmente sabato 10 novembre alle ore 17 presso il Polo del '900. 

Per maggiori informazioni e per consultare il programma completo  clicca qui