OGR is more music

Previous Next

Dal 25 novembre OGR IS (MORE) MUSIC
Dopo Moroder, The Chemical Brothers,Kraftwerk e tanti altri arriva sul palco delle OGR la musica di solidarietà di Rise Up! con i Marlene Kuntz. A dicembre Ezio Bosso primo protagonista di Piano Lessons e La Musica dei cieli con Paolo Fresu, Noa, Dervisci Roteanti e Vinicio Capossela. Prevendite on line a partire da martedì 14 novembre.

Torino, 13 novembre 2017- Continua la grande musica alle OGR: dopo aver registrato 23.000 presenze ai concerti del Big Bang e dell’art week torinese,le Officine Grandi Riparazioni rilanciano con un programma di nove straordinari appuntamenti a partire dal 25 novembre.
L’apertura del calendario invernale dei live delle Officine Nord è affidato al progetto di solidarietà Rise Up! che il 25 e 26 novembre vede sul palco artisti della musica e delle parole uniti per raccogliere fondi destinati a Castelluccio di Norcia, uno dei comuni del centro Italia maggiormente colpiti dal terremoto del 2016.

I primi a esibirsi saranno i Marlene Kuntz, sabato 25 novembre, riempiendo la Sala Fucine di OGR con le loro inconfondibili sonorità alternative rock.

A seguire,domenica 26 la musica e letteratura daranno vita a una serata unica, in cui la voce dei narratori si mescolerà agli accordi dei musicisti. Sotto la conduzione di Sara Zambotti, voce di Caterpillar di Radio2, andranno in scena Nicola Lagioia, Ascanio Celestini, Antonella Lattanzi, Giulia Blasi, Daniela Mattalia, Elena Varvello, Adriano Viterbini, Riccardo Sinigallia, Tommaso Cerasuolo, Dado Moroni, Ares Tavolazzi, Luigi Tessarollo, Giorgio Mirto, Laura Arzilli, Michele Petrucci, Saulo Lucci. Tema della serata sarà l’idea di rinascita, argomento scelto per questa edizione del festival letterario Borgate dal vivo, promotore delle due serate alle OGR, che chiuderanno il festival stesso.

Il mese di dicembre alle OGR si apre con un live di Ezio Bosso, sabato 2: accompagnato da un’orchestra di venti elementi, il pianista e direttore d’orchestra darà vita alla prima delle quattro Piano Lessons, un progetto unico dedicato al pianismo internazionale. Creato appositamente per OGR, Piano Lessons vedrà esibirsi sul palco delle Officine Grandi Riparazioni quattro grandi maestri che racconteranno il loro rapporto con lo strumento e con la musica più in generale. Dopo l’artista torinese sarà la volta del pianista jazz statunitense Brad Mehldau, venerdì 16 febbraio 2018, del compositore francese Yann Tiersen, venerdì 9 marzo, e infine del compositore, musicologo e librettista inglese Michael Nyman, sabato 14 aprile.

La spiritualità è invece il fil rouge che lega i quattro appuntamenti di La Musica dei cieli, festival diffuso sul territorio nazionale e ospitato in diversi luoghi esclusivi in cui artisti provenienti da tutto il mondo affrontano in chiave musicale il tema dell’incontro tra culture e del rispetto reciproco.

Il primo appuntamento alle OGR sarà all’insegna del jazz italiano: la Sala Fucine ospiterà Paolo Fresu Quintet in Jazzy Christmas, featuring Daniele di Bonaventura (venerdì 8 dicembre).

Il giorno successivo salirà sul palco l’apprezzatissima cantante israeliana Noa (sabato 9 dicembre); per proseguire nella settimana prima di Natale con la danza magnetica dei Dervisci roteanti di Galata diretti dal musicista turco Mercan Dede (mercoledì 20 dicembre).
Ultimo appuntamento sarà la serata di chiusura del festival alle OGR con il cantautorato italiano di Vinicio Capossela, accompagnato da Paolo Rossi e il Mago Wonderland,che saranno protagonisti venerdì 22 dicembre di una serata in omaggio a San Nicola, alle origini della leggenda moderna del Natale. Per Capossela e Rossi si tratta di un ritorno sul palco delle OGR, che nel recente passato li ha visti protagonisti di due serate indimenticabili.

Le prevendite on line per tutti gli appuntamenti sono aperte da martedì 14 novembre sul sito www.ogrtorino.it

A completare l’offerta di OGR anche una due-giorni dedicata alla danza: approda infatti per la prima volta in Italia La Festa della Danza ideata dalla celebre ballerina e coreografa spagnola Blanca Li. La rassegna, che mira ad avvicinare tutti al mondo del ballo a 360°, sarà presentata in una conferenza stampa il 23 novembre alla presenza della sua ideatrice.


_______________________
Le OGR prima del “Big Bang”
Le OGR - Officine Grandi Riparazioni rappresentano uno dei più importanti esempi di architettura industriale dell’Ottocento a Torino. Costruite tra il 1885 e il 1895, e adibite fino ai primi anni ‘90 alla manutenzione dei veicoli ferroviari, sono un insieme di grandiosi edifici, il più importante dei quali, a forma di H, si estende per 20.000 metri quadrati ed è alto 16 metri. Nel 2013 la società consortile OGR-CRT, detenuta per oltre il 50% dalla Fondazione CRT, ha acquistato l’area da RFI Sistemi Urbani, per riqualificarla sotto la guida della Soprintendenza e in stretta collaborazione con il Comune di Torino. Già sede di tre mostre per i 150 anni dell’Unità d’Italia, nel 2013 le OGR hanno ospitato oltre 100 eventi di “test” e circa 120.000 visitatori in 5 mesi, con un’offerta eterogenea
(attività espositive, concerti, teatro). Successivamente sono state chiuse al pubblico per l’avvio delle imponenti opere di riqualificazione finanziate dalla Fondazione CRT.
_______________________
Le nuove OGR di Torino: da ex-officina per i treni a spazio per la ricerca artistica e tecnologica nel cuore della città
Situate in prossimità della stazione ferroviaria di Porta Susa e a 50 minuti da Milano grazie all’alta velocità, le OGR rappresentano uno dei più importanti esempi di architettura industriale dell’Ottocento a Torino. Sono un insieme di grandiosi edifici a forma di H, riqualificati dalla Fondazione CRT con un investimento di 100 milioni di euro sotto la guida della Soprintendenza e in stretta collaborazione con il Comune di Torino.