Il Professor Giovanni Quaglia nominato all'unanimità Presidente della Fondazione CRT

Previous Next

Torino, 1 febbraio 2017 – Il nuovo Presidente della Fondazione CRT è il Professor Giovanni Quaglia, che è stato nominato oggi all’unanimità dal Consiglio di Indirizzo riunitosi a Torino.

Cuneese, classe 1947, laureato in Lettere, docente di Economia e Direzione delle Imprese presso l’Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Management - Sezione di Economia e Direzione delle Imprese), Revisore Ufficiale dei Conti, giornalista pubblicista, il Presidente Giovanni Quaglia ha una consolidata esperienza al vertice di società anche quotate, enti, istituzioni, associazioni culturali e organizzazioni non profit.

Presidente delle società OGR-CRT, REAM SGR, Autostrada Torino-Savona, il Professor Quaglia è stato vice Presidente vicario sia della Fondazione CRT (1994-2000 e 2004-2012) sia della Fondazione Sviluppo e Crescita CRT (2007-2012). È stato Consigliere di Amministrazione di Unicredit fino al 2015, con il ruolo di componente dei Comitati “Corporate Governance, HR and Nomination”, “Parti Correlate e Investimenti in Equity” e dell’Organismo di Vigilanza. In ambito Acri (l’associazione delle Fondazioni italiane) è stato componente del Direttivo, del Collegio Sindacale e dell’Ufficio Presidenza (2004-2012).

Nel discorso di insediamento il neo eletto Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia ha ringraziato il Consiglio di Indirizzo e il Consiglio di Amministrazione, il Segretario Generale con tutta la struttura, nonché i Presidenti Comba e Marocco suoi predecessori. Ha quindi salutato tutte le istituzioni, tra cui i Sindaci di Torino e dei Comuni piemontesi e valdostani, i Presidenti delle due Regioni con i loro collaboratori, i responsabili di tutte le realtà territoriali, “in particolare quelle situate in aree marginali che fanno più fatica”, i colleghi Presidenti delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte e il Presidente dell’Acri Guzzetti.

“La Fondazione CRT deve farsi storia essa stessa per essere parte della storia”, ha detto il Presidente Quaglia, ricordando il primo quarto di secolo di attività della Fondazione – con gli oltre 37.000 interventi per il welfare, la salvaguardia del territorio, l’arte, la cultura, la ricerca, l’istruzione e l’innovazione – e sottolineando alcune scelte originali di fondo compiute negli anni: in particolare, la costituzione della Fondazione Sviluppo e Crescita-CRT, della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea-CRT, della Società consortile per azioni OGR-CRT, della Fondazione Antiusura La Scialuppa CRT Onlus, nonché il ruolo essenziale avuto nell’istituzione e nel rilancio di REAM SGR S.p.A. e nella creazione di fondi immobiliari sociali nell’ambito della nuova frontiera della venture philanthropy, oltre al recente ingresso nell’azionariato di Equiter.

“Guardando al futuro – ha spiegato il Presidente Giovanni Quaglia – dobbiamo avere presenti tre esigenze: collocare le scelte in una prospettiva sistemico-strategica, fare squadra per condividere strategie, analisi e decisioni, perché da soli si può correre, ma solo insieme si può andare lontano, e costruire una Fondazione che sia sempre più una comunità di persone. Una comunità che ha una propria identità, ma che non si isola, avendo un forte senso di appartenenza e impegnandosi a interagire con le comunità di riferimento, come la Città di Torino e le realtà territoriali del Piemonte e della Valle d’Aosta, ovviamente inserite nel sistema Italia”.

“Da ultimo – ha concluso il Presidente Quaglia – assicuro il massimo di passione e impegno per un compito che ritengo essere il coronamento di una vita spesa per il bene comune”.

“Esprimo le più sincere congratulazioni e un ‘in bocca al lupo’ di buon lavoro al nuovo Presidente Giovanni Quaglia – ha detto il Segretario Generale Massimo Lapucci – che, ne sono certo, come già avvenuto in passato potrà continuare a mettere al servizio della Fondazione CRT e del territorio la propria fattiva esperienza pluriennale, acquisita in aziende e istituzioni del Paese”.

Il Professor Giovanni Quaglia ha presieduto fino a gennaio 2017 l’Associazione di promozione turistico-territoriale “Le Terre dei Savoia” e il Comitato Provinciale di Cuneo dell’Associazione “Dante Alighieri”; è stato inoltre vice Presidente del Comitato Provinciale Croce Rossa di Cuneo (2006-2008). Attualmente è membro del CdA dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Tra i numerosi incarichi manageriali di prestigio esercitati nel corso degli anni, il Professor Quaglia è stato, in particolare, componente del CdA di IRIDE e IREN (2006-2010), Sindaco e Consigliere di Amministrazione di Autostrade S.p.A, Atlantia S.p.A, ASPI S.p.A. dal 2004 al 2012.

Dal punto di vista istituzionale ha ricoperto per 11 anni la carica di Sindaco di Genola (il più giovane Sindaco d’Italia, allora ventiduenne), è stato Consigliere regionale del Piemonte (1983-1988) con il ruolo di Vice Presidente della Commissione Programmazione, Bilancio-Finanze, Personale, e Presidente della Provincia di Cuneo (1988-2004).

È autore di numerose pubblicazioni scientifiche su temi economici e filantropici, ed è stato insignito di diversi titoli onorifici tra cui: Cavaliere di Gran Croce della Repubblica italiana dal 2002, dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi e Commendatore dell’Ordine di San Gregorio Magno, da San Giovanni Paolo II nel 2004. Ha ottenuto, inoltre, nel lontano 1995 dal Ministro Luigi Berlinguer, la Medaglia d’oro di prima classe per meriti particolari nel settore della cultura, dell’arte e dell’istruzione.

 

La Fondazione CRT: dati sui primi 25 anni di attività

 

La Fondazione CRT-Cassa di Risparmio di Torino è un ente privato non profit nato nel 1991. Da 25 anni è uno dei “motori” dello sviluppo e della crescita del Piemonte e della Valle d’Aosta in tre macro-aree: Arte e Cultura, Ricerca e Istruzione, Welfare e Territorio.
In un quarto di secolo di impegno filantropico sono state distribuite risorse per oltre 1,5 miliardi di euro e realizzati più di 37.000 interventi per il territorio. Alcuni numeri in dettaglio: 2.500 beni storici, artistici e architettonici restaurati, tutte le Cattedrali del Piemonte e Valle d’Aosta valorizzate e “messe in rete”, oltre 5.000 borse offerte ad altrettanti giovani talenti per studiare e perfezionarsi in Italia e all’estero, 650.000 studenti tra i 6 e i 20 anni coinvolti in attività formative gratuite, 460 ambulanze messe a disposizione delle associazioni di primo soccorso, più di 1.800 interventi a favore delle persone con disabilità. La Fondazione CRT è oggi presente nelle reti europee della filantropia come EFC-European Foundation Center ed EVPA-European Venture Philanthropy Association, e realizza progetti internazionali in collaborazione con le Nazioni Unite.