Al via la nuova edizione del progetto Diderot per le scuole di Piemonte e Valle D'Aosta

Previous Next

Torino, 22 settembre 2016 – Economia, imprenditorialità, astronomia, astrofisica, agroalimentare e una grammatica “fantastica” a misura di bambino entrano in classe con il progetto Diderot della Fondazione CRT, che quest’anno coinvolgerà oltre 120.000 studenti del Piemonte e della Valle d’Aosta, dai 6 ai 20 anni.

Le novità del Diderot 2016/2017, a partecipazione gratuita per tutte le scuole, sono state illustrate questa mattina dal Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci, insieme al rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Franco Calcagno, di fronte a una platea di 150 tra dirigenti scolastici, insegnanti e partner del progetto.

Saranno in totale 15 le linee didattiche, di cui 4 assolutamente inedite: due (“Prime note di economia” e “Rendere possibile un’impresa impossibile”) dedicate ai concetti chiave dell’economia, della politica economica e dell’imprenditorialità giovanile per le scuole superiori, una linea (“Le mie impronte sul pianeta”) sui cicli produttivi dei prodotti agroalimentari, una (“Viaggio nella grammatica fantastica”) per avvicinare i bimbi delle primarie all’ortografia e grammatica con un approccio innovativo e una relazione di “simpatia”.

Nuova veste anche per molte linee storiche del Diderot: “Alfaclass”, la tradizionale full immersion di matematica per gli studenti del primo anno del Politecnico e dell’Università degli Studi di Torino, passa dai numeri alle stelle, dando l’opportunità di fare osservazioni astronomiche e astrofisiche presso l’Osservatorio di Saint Barthélemy (Aosta). La linea “Ascoltar Cantando” metterà in scena una nuova opera, il “Don Pasquale” di Donizetti, mentre “Allenamenti quotidiani”, realizzata in collaborazione con l’Osservatorio dei Giovani Editori, consentirà ai ragazzi delle superiori di ideare una strategia di promozione degli spazi museali, delle attività teatrali e musicali nel nostro Paese, per attrarre nuovi pubblici, a partire dai giovani.

Altra novità di quest’edizione del Diderot sono 3 nuove partnership: in aggiunta alla Fondazione CR Biella, da cinque anni al fianco della Fondazione CRT, sosterranno il progetto anche la Fondazione CR Vercelli, la Regione Valle d’Aosta e la Fondazione Bonino-Pulejo di Messina, che “adotterà” la linea didattica Digital Mate Training. Grazie a quest’ultima collaborazione, il Diderot varca per la prima volta i confini del Piemonte e della Valle d’Aosta e arriva in Sicilia, acquisendo così una portata nazionale.

“Il Diderot è oggi un progetto di respiro nazionale, riconosciuto come eccellenza italiana anche in un recente incontro al Quirinale con il Presidente Mattarella – afferma il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Si sviluppa con modalità moderne e appassionanti per studenti e insegnanti, ed è un’opportunità reale di crescita e formazione, anche in prospettiva dell’ingresso dei ragazzi nel mondo universitario o del lavoro. Il successo è andato certamente oltre le aspettative iniziali, visto che il Diderot ha coinvolto finora circa 650.000 studenti tra i 6 e i 20 anni, per un investimento complessivo della Fondazione CRT di 16,5 milioni di euro”.

“L’ampia gamma di percorsi proposti, calibrati sulle specificità dei diversi gradi di istruzione – afferma Fabrizio Manca, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte – rappresenta un’indubbia opportunità per le istituzioni scolastiche di arricchire la propria offerta formativa con azioni di alto profilo, ispirate alla didattica laboratoriale e innovativa. Tuttavia non si tratta semplicemente di aggiungere un’attività all’elenco di quanto normalmente viene proposto ai propri studenti. L’apertura alle risorse provenienti dal territorio locale, auspicata dalla Legge 107, porta con sé la possibilità di confrontarsi con una pluralità di modelli e strategie didattiche e in ultima analisi è un efficace contributo alla crescita professionale del singolo docente e supporto al processo di miglioramento complessivo”.

Il progetto Diderot 

Dedicato allo scrittore e filosofo francese ideatore dell’Enciclopedia, il Progetto Diderot fa suo sin dalla denominazione un approccio multidisciplinare al sapere, spaziando dalle discipline scientifiche a quelle umanistiche, da tematiche di attualità quali l’educazione alimentare e l’etica alla musica e al giornalismo. Si articola in lezioni, corsi, spettacoli e conferenze volti ad avvicinare gli studenti di ogni ordine e grado a un’offerta eterogenea di discipline. Un vasto programma che si realizza con il fondamentale supporto degli insegnanti e che vuole stimolare nei ragazzi apprendimenti significativi, nello spirito di networking e di valorizzazione e condivisione del knowhow di ciascuno che caratterizza le attività della Fondazione.

 

Il calendario degli incontri del road show è il seguente:

  • 25/09/2016 ore 11.00 IIS “PININFARINA” Moncalieri (Via Ponchielli, 16);
  • 26/09/2016 ore 11.00 AUDITORIUM DI PALAZZO GROMO LOSA Biella (C.so del Piazzo, 24);
  • 27/09/2016 ore 11.00 IPSIA “CASTIGLIANO”, Asti (Via Renato Martorelli, 1);
  • 28/09/2016 ore 11.00 IIS “SOBRERO” Casale M.to (Via Candiani d’Olivola, 19);
  • 29/09/2016 ore 11.00 ISIT “INNOCENTI MANZETTI” Aosta (Via Chambéry, 105);
  • 30/09/2016 ore 11.00 ITIS “COBIANCHI” Verbania (P.zza Martiri di Trarego, 8);
  • 03/10/2016 ore 11.00 IIS “GRANDIS” c/o Sala San Giovanni, Cuneo (Via Roma, 4);
  • 04/10/2016 ore 11.00 SEMINARIO ARCIVESCOVILE c/o Aula Magna, Vercelli (Piazza S.Eusebio 10)
  • 05/10/2016 ore 11.00 ITIS “FAUSER”, Novara (Via Ricci, 14);
  • 06/10/2016 ore 11.00 ITIS “MAJORANA” Grugliasco (Via General Cantore, 119).
 
Ecco il tutorial appositamente realizzato per fornire uno sguardo generale sulle modalità di partecipazione e le scadenze della nuova edizione del Progetto Diderot