“Sinergie di crescita: 40 anni di relazioni Europa-Cina e le opportunità per l’Italia”

Previous Next

Torino, 25 maggio 2015 - Si è tenuto oggi, nel contesto delle celebrazioni per il 40° anniversario dall’avvio delle relazioni diplomatiche tra la Comunità Europea e la Repubblica Popolare Cinese, il seminario “Sinergie di crescita: 40 anni di relazioni Europa-Cina e le opportunità per l’Italia”, organizzato dalla Fondazione CRT e dai partner del Sistema TOChina. Sostenuto dalla Fondazione CRT, il Sistema TOChina è costituito dal il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino, T.wai - il Torino World Affairs Institute, il campus di Torino della ESCP Europe business school, e la Zhejiang University, una delle 9 università più importanti in Cina.

Keynote speaker della mattinata è stata Federica Guidi, Ministro dello Sviluppo Economico. Sono intervenuti: Massimo Lapucci, Segretario Generale della Fondazione CRT; Wang Dong, Console Generale della Repubblica Popolare Cinese a Milano; Francesco Profumo, Presidente IREN; Giovanni Andornino, coordinatore Sistema TOChina e Franco Garelli, Direttore del Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino.

L’iniziativa ha offerto un’occasione di riflessione su un tema strategico per lo sviluppo del Paese: il futuro delle relazioni con la Cina, nel più ampio contesto dei rapporti UE-Cina. 

Mi fa davvero piacere ricordare e celebrare il 40mo anniversario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche tra l’Unione Europea e la Cina – ha dichiarato Federica Guidi, Ministro dello Sviluppo Economico - Gli anniversari servono anche a fare il punto di ciò che si è fatto, di cosa si sta facendo e quello che, in principio, si potrà fare in futuro. La Cina è oggi un gigante dell’economia mondiale e l’Europa è il suo primo partner commerciale: è quindi interesse di entrambe consolidare questo straordinario rapporto, rilanciando, sulla base di regole condivise e paritarie, un ponte ideale tra la via della seta ed il Mediterraneo”.

 “La Fondazione CRT ha creduto sin dall’inizio nell’attività del Sistema ToChina - ha sottolineato Massimo Lapucci, Segretario Generale della Fondazione CRT -. Il progetto è stato capace  di aggregare intorno a un tema di fondamentale importanza, ovvero la comprensione della Cina contemporanea e delle sue relazioni con l’Italia e l’Europa, soggetti strategici del territorio, qualificandosi come virtuoso esempio di partenariato pubblico-privato. La Fondazione CRT ha negli ultimi anni rafforzato l’impegno internazionale, nella convinzione che l’apertura a un contesto globale e la contaminazione con le best practice di altri Paesi siano fondamentali per lo sviluppo e la crescita della società e per la formazione di capitale umano d’eccellenza”.

“L’Italia ha una fortissima esigenza di figure professionali capaci di interagire in modo efficace e responsabile con la Cina di oggi e di domani - ha confermato Giovanni Andornino, docente dell’Università di Torino e coordinatore del Sistema TOChina - Il 2014 è stato un anno straordinariamente intenso per le relazioni tra Italia e Cina, con il perfezionamento di accordi per investimenti cinesi nell’economia italiana del valore di miliardi di euro. Ci troviamo all’inizio di un ciclo nuovo: l’impegno del Sistema TOChina è formare giovani talenti pronti ad aiutare la società italiana e il sistema produttivo del nostro paese a intercettare le opportunità che la Cina presenta a quanti sanno riconoscerle”.

Il Sistema TOChina opera per attrarre, formare e ancorare sul territorio piemontese professionalità capaci di perseguire relazioni efficaci e responsabili con la Cina di oggi e di domani.