“Pulce non c'è” in prima serata su RAI3 per la Giornata Mondiale dell'Autismo

Previous Next

Torino, 30 marzo 2015 - “Pulce non c’è” il film co-prodotto  in associazione dalla Fondazione Sviluppo e Crescita – CRT sarà trasmessoGiovedì 2 aprile su Rai3 in prima serata alle 21.05 nell’ambito dello speciale “Ci siamo. Serata per l’autismo”. Il 2 aprile si celebra la VII° Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo promossa dalle Nazioni Unite. 

Pulce non c’è, tratto dall’omonimo romanzo diGaia Rayneri, ambientato a Torino, racconta le vicende famigliari di “Pulce”, una bambina di nove affetta da autismo. Attraverso lo sguardo della sorella Giovanna entriamo nella quotidianità di una famiglia anormale, con il suo lessico pensato per chi può solo parlare per immagini, il suo caos pieno di emergenza e amore. E senza retorica e senza patetismi esploriamo lo scontro tra mondo adulto e infanzia, tra malattia e normalità, tra rigidità delle istituzioni e legami affettivi.

Un film che ha il coraggio di indagare con delicatezza tematiche sociali di attualità. Su RAI3 giovedì 2 aprile alle 21.05.

Il film, opera prima di Giuseppe Bonito, interpretato da Pippo DelbonoMarina Massironi e Piera Degli Esposti, ha partecipato ed è stato premiato in numerosi Festival. Nel 2012 ha vinto il Premio Speciale della Giuria nella sezione “Alice nella Città” del Festival Internazionale del film di Roma con la seguente motivazione: "In un panorama cinematografico internazionale di pellicole poco coraggiose è difficile trovare un film che sussurri con delicatezza l’essenza della vita. È per questo che i giurati di Alice nella Città hanno deciso di assegnare il Premio Speciale della Giuria a ‘Pulce con c’è’, capace di far emergere con onestà, dignità e profonda dolcezza una realtà spesso fraintesa. In modo fresco e leggero la pellicola racconta una quotidianità difficile con uno sguardo innocente, puro, raro".

La produzione ha reso possibile l’inserimento di 15 studenti dell’Università degli Studi di Torino, la realizzazione di un programma didattico universitario con la partecipazione di professionisti coinvolti nella produzione, l’accesso al Tax Credit (40%) da parte della Fondazione Sviluppo e Crescita CRT, prima fondazione italiana ad usufruirne con parere diretto del Ministero dei Beni Culturali.

Guarda il trailer.