Le Strade della Sindone: 4 itinerari di visita proposti dal progetto Città e Cattedrali

Previous Next

In occasione dell'Ostensione della Sindone, in programma dal 19 aprile al 24 giugno, il progetto Città e Cattedrali - ideato dalla Fondazione CRT e dalle Diocesi del territorio - e il Museo della Sindone, propongono LE STRADE DELLA SINDONE, quattro itinerari di visita in Piemonte e in Valle d’Aosta, ideati in occasione del solenne evento, ma non limitati al 2015. Gli itinerari infatti andranno a costituire un’offerta stabile nel tempo per pellegrini e visitatori.

La storia della devozione del sacro telo è legata, dal XVI secolo, alla progressiva influenza dei Savoia, proprietari della reliquia, sul territorio e, in campo ecclesiale, al progressivo diffondersi della spirito della Riforma cattolica, anche e soprattutto attraverso importanti figure come quella di San Carlo Borromeo.

  • La strada di San Carlo si ispira al pellegrinaggio di San Carlo Borromeo del 1578, da Milano verso Torino, e ai percorsi dei Sacri Monti, luoghi simbolo della religiosità barocca e oggi siti dell’Unesco.
  • La strada per Torino racconta come, nel grande viaggio da Chambéry a Torino (1578), la reliquia sia con buone probabilità transitata in Valle d’Aosta e poi nel Canavese, segnando il percorso con numerosi attestati devozionali.
  • La strada delle Alpi corre lungo i valichi alpini che la Sindone percorse più volte al seguito della corte sabauda, prima di stabilirsi definitivamente a Torino nel 1578.
  • La Strada del Mare si sviluppa a sud del Piemonte in direzione di Genova, dove la Sindone trovò ricovero durante l’assedio francese a Torino del 1706.
    Le comunità locali e i molti volontari accoglieranno i visitatori nei siti di Arte, Fede e Storia.

Gli itinerari saranno fruibili dal venerdì alla domenica. Info dettagliate sugli orari su www.cittaecattedrali.it
Alcuni luoghi sono visitabili tramite prenotazione telefonando al 334.8967889

CITTA' E CATTEDRALI

Città e Cattedrali è un progetto ideato dalla Fondazione CRT e dalle Diocesi, finalizzato al restauro, alla manutenzione straordinaria e alla valorizzazione delle Cattedrali del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Avviato nel 2005, Città e Cattedrali è oggi un Piano di Valorizzazione dei luoghi di storia e di arte sacra aperti e fruibili, organizzati in itinerari di visita geografici e tematici, praticabili anche attraverso la rete grazie al portale www.cittaecattedrali.it. Si tratta di un progetto di comunicazione e valorizzazione innovativo e ambizioso. E’ un sistema informativo a tema, è una narrazione del territorio, è un progetto partecipativo, è un metodo di organizzazione del volontariato, è una modalità nuova di collaborazione tra enti e istituzioni diverse, è un calendario di eventi, è un possibile metodo di programmazione delle attività ordinarie e straordinarie legate al patrimonio d’arte sacra del Piemonte.

Motore ed elemento fondamentale del sistema di fruizione del grandissimo numero di siti culturali ecclesiastici,concentrati nei centri urbani o diffusi sul territorio, sono i volontari, che si sono formati e sono maturati nella consapevolezza del percorso di crescita delle comunità locali e nel senso di appartenenza dei beni culturali e del paesaggio.

Il portale www.cittaecattedrali.it rappresenta un elemento fondamentale nel processo di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico di Piemonte e Valle d’Aosta, uno spazio di presentazione e di interpretazione nel quale, in un’unica visione d’insieme, si possano cogliere le specificità e le chiavi di lettura storico-artistiche e liturgico-devozionali dei luoghi, per un’esperienza di visita consapevole. Attraverso organizzate e dettagliate schede di approfondimento, contenenti tutte le informazioni utili (dagli orari di apertura, alle distanze tra un sito e l’altro, ai contatti telefonici) il visitatore può così crearsi un suo itinerario nei territori, a partire dalle cattedrali di Aosta, Ivrea, Pinerolo, Susa, Torino, Alba, Cuneo, Fossano, Mondovì, Saluzzo, Alessandria, Acqui Terme, Asti, Casale Monferrato, Tortona, Biella, Novara, Vercelli.

Sul sito si possono trovare suggerimenti e approfondimenti nelle sezioni arte, architettura, musei; nella sezione itinerari vengono proposti interessanti percorsi come “Abbazie e i Monasteri della Val di Susa” e “Il Romanico in Alta Langa”; nella sezione eventi si trovano anche le iniziative locali di particolare interesse:un modo agile e creativo per conoscere ed apprezzare luoghi di culto di rara bellezza artistica e architettonica, spesso inseriti in magnifici paesaggi del Piemonte.

La Fondazione CRT fa parte del Comitato organizzatore per l'Ostensione 2015.