Al via Talenti per l'Export, il nuovo bando per giovani laureati

Previous Next

Torino, 2 ottobre 2014 - Si presenta oggi, giovedì 2 ottobre, alle 11.30 nel Salone d’Onore della Fondazione CRT il nuovo bando Talenti per l’Export . Intervengono Massimo Lapucci, Segretario Generale della Fondazione CRT; Licia Mattioli, Presidente dell’Unione Industriale Torino; Anna Beatrice Ferrino, Amministratore Delegato Ferrino & C. Spa; a seguire i referenti del progetto.

Talenti per l’Export, bando a cui la Fondazione CRT ha destinato oltre 400 mila euro per la prima edizione, è finalizzato a formare figure professionali specializzate nel settore dell’esportazione ed è rivolto a giovani laureati di tutte le discipline – non unicamente ai laureati in materie economiche e aziendali - che intendano occuparsi di export, in proprio o all’interno di realtà aziendali.

Il progetto è rivolto a giovani laureati e mira a formare figure professionali nel settore dell’esportazione.

Il nuovo bando Talenti per l’Export – spiega Massimo Lapucci - nasce dall’idea di favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di competenze qualificate anche in quest’ambito di strategica rilevanza per molte aziende del territorio e del paese. Il progetto permetterà a 80 giovani talenti di formarsi nel campo dell’export e ai migliori di effettuare, al termine del percorso, un tirocinio in azienda. Ritengo che il principale valore aggiunto delle nostre iniziative risieda proprio nella capacità di creare e sviluppare una solida rete di competenze, di professionalità e ‘connection’ in grado di costituire, specie per i più dinamici, veri acceleratori di carriera, favorendo l’inserimento nel mondo del lavoro anche attraverso lo sviluppo di ‘start-up’”.

Talenti per l'Export offrirà a 80 partecipanti, nel periodo gennaio-giugno 2015, un ciclo di attività formative finalizzate all'acquisizione e al consolidamento degli strumenti necessari alla comprensione e alla gestione dei processi aziendali legati alle attività di export.

Il progetto sarà strutturato in lezioni di "azzeramento", lezioni di approfondimento e workshop su temi legati all'export, testimonianze di imprenditori e attività di team building. La formazione avverrà anche attraverso il lavoro di squadra, il contatto con gli operatori del settore e la valorizzazione delle “soft skills” personali indispensabili all'inserimento nel settore export.

Al termine del ciclo formativo, alcuni dei partecipanti - una trentina circa - potranno usufruire di una borsa finale per un tirocinio della durata massima di sei mesi, da effettuarsi presso aziende del Piemonte e della Valle d'Aosta che svolgono attività di export.

Il bando sarà on line da oggi sul sito della Fondazione CRT e scade il 3 novembre 2014.

I progetti della Fondazione CRT per i giovani e il mondo del lavoro

Nel corso di un decennio di progetti a regia propria messi a punto nel settore dell’istruzione e della formazione e rivolti a tutte le fasce d’età e gli ambiti di studio, la Fondazione CRT ha investito oltre 20 milioni di euro per accrescere le opportunità lavorative dei migliori studenti in Piemonte e in Valle d’Aosta.

Lo ha fatto grazie a progetti quali Talenti Neodiplomati, Talenti Neolaureati, Talenti per l’Impresa che hanno permesso a quasi 3000 giovani di usufruire di borse di studio e di esperienze che hanno permesso loro di arricchire il proprio curriculum e di acquisire nuove competenze diventando così più competitivi sul mercato del lavoro.

Grazie ai bandi Talenti Neodiplomati, in dieci anni oltre 2100 neodiplomati hanno potuto effettuare la loro prima esperienza formativa di tre mesi all’estero subito dopo il diploma; con Talenti Neolaureati oltre 550 neodottori hanno avuto accesso a esperienze post lauream altamente qualificanti in tutto il mondo presso aziende ed enti partner. Grazie a Talenti per l’Impresa, 240 studenti e giovani laureati si sono confrontati con imprenditori e formatori, acquisendo le
competenze necessarie ad avviare un’impresa innovativa. Molti di loro hanno avviato start-up, alcune delle quali hanno raccolto finanziamenti anche oltre confine.