Bando Talenti Società Civile: 1.500.000 euro da Fondazione CRT e Atenei Piemontesi

Previous Next

Torino, 24 aprile 2014 - La Fondazione CRT presenta, ampliato e potenziato grazie alla collaborazione con tutti gli Atenei piemontesi, il bando 2014 Talenti Società Civile, una delle declinazioni del progetto Master dei Talenti, che offre ai migliori giovani esperienze lavorative e di studio in tutto il mondo.

La nuova edizione del bando mette a disposizione circa 1 milione e 500 mila euro per borse in ambiti disciplinari che coprono le aree legate alla ricerca scientifica e medico-sanitaria, settori che le recenti cronache segnalano come carenti in termini sia di percorsi di specializzazione sia di offerta lavorativa.

Anche questa edizione si realizza in partnership con la Fondazione Giovanni Goria.

Per la prima volta, tutti i tre atenei piemontesi hanno condiviso il progetto e i suoi obiettivi sin dalle prime fasi: le 65 borse di ricerca scientifica che verranno bandite nell’anno in corso saranno cofinanziate in pari misura dalla Fondazione CRT e da Università di Torino, Politecnico di Torino e Università del Piemonte Orientale.

I tre atenei hanno messo a disposizione complessivamente la stessa cifra garantita dalla Fondazione: 733.000 euro. In aggiunta alle risorse deliberate per queste borse, la Fondazione CRT finanzierà ulteriori borse destinate a favorire l’imprenditorialità.


Massimo Lapucci, Segretario Generale della Fondazione CRT, dichiara: “L’edizione 2014 del Bando Talenti Società Civile conferma la centralità dei giovani nelle strategie della Fondazione CRT, per valorizzare i più meritevoli e favorirne concretamente l’ingresso nel mondo del lavoro. Nel solo 2014 la Fondazione CRT destina quasi 5 milioni di euro a bandi e progetti finalizzati all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Se si considerano gli ultimi dieci anni, tali risorse ammontano complessivamente a 46 milioni di euro. L’edizione di quest’anno di Talenti Società Civile è il risultato della stretta collaborazione e sintonia che si sono instaurate tra la nostra Fondazione e gli Atenei piemontesi. Abbiamo assegnato queste nuove borse per offrire ai giovani medici specializzati più meritevoli e ai laureati nelle cosiddette Scienze Dure opportunità concrete di proseguire la ricerca in ambito universitario e per garantire supporto a un tessuto territoriale che comincia ad aver difficoltà ad assorbire questi giovani laureati. Da una parte, infatti, i contratti di specializzazione coprono poco più di un terzo della domanda, dall’altra gli specializzati hanno difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro”.

Gianmaria Ajani, Rettore dell’Università degli Studi di Torino, sottolinea: “L'Ateneo torinese partecipa con convinzione al progetto del bando 2014 Talenti Società Civile i cui obiettivi rientrano nella responsabilità dell'Università: accompagnare i giovani neolaureati verso e nel mondo del lavoro, e nella ricerca di occupazione, azione che non può essere lasciata alla casualità del mercato. La collaborazione degli Atenei piemontesi rappresenta un importante rafforzamento del rapporto tra l'Università e il territorio dove è insediata. Questa sinergia valorizza e fa accrescere il mondo della ricerca e i suoi risvolti applicativi”.

Marco Gilli, Rettore del Politecnico di Torino, afferma: “È in crescita la competizione tra Università in Europa per l’attrazione di studenti e ricercatori di talento. In questo scenario ci si attende che gli Atenei e il sistema socio-economico che li circonda da un lato sappiano elevare la qualità dell’offerta formativa, assicurandone un profilo alto e internazionalmente riconosciuto, dall’altro siano in grado di garantire sostegni economici adeguati agli studenti meritevoli. Il supporto della Fondazione CRT in tal senso è sempre stato strategico: ha saputo cogliere la sfida e ha creduto nella sinergia con il sistema universitario per rendere davvero il nostro Territorio sempre più terreno fertile per giovani promesse”.

Cesare Emanuel, Rettore dell’Università del Piemonte Orientale, evidenzia: “L’Università del Piemonte Orientale ha aderito senza esitazioni all’edizione 2014 del Bando Talenti Società Civile; in particolare abbiamo deciso di concentrare il nostro impegno nel settore delle borse mediche, un settore in cui molti giovani di talento hanno bisogno di un sostegno concreto, affinché le loro capacità, i loro talenti appunto, non vadano sprecati, ma possano tramutarsi in una risorsa preziosa per la ricerca e il territorio. Il fatto poi che i tre Atenei piemontesi si siano mossi unanimemente fin dall’inizio del progetto ne sottolinea la bontà e conferma che un vero sistema universitario piemontese può esistere e funzionare”.

Marco Goria, Presidente della Fondazione Giovanni Goria, ricorda: “Il Master dei Talenti della Società Civile negli anni ha assegnato oltre 400 borse di ricerca contribuendo così a trattenere sul territorio alcuni tra i migliori giovani talenti, provenienti da diversi settori scientifico-disciplinari. Il bando 2014 è motivo di una particolare soddisfazione perché alla sua stesura hanno collaborato in modo attivo e proficuo i tre atenei piemontesi, accreditandolo sempre di più come una reale opportunità per i laureati. L’edizione 2014, oltre a collegare fattivamente il mondo dell'Università e della Ricerca a quello del lavoro, questa volta segna un punto in più, aggiungendo accanto alle diverse tipologie di borse di ricerca proposte, la tipologia “medica”. Con essa abbiamo anche voluto contribuire, seppure in piccola parte, a rispondere ad una richiesta crescente di servizi sanitari, rendendo in un certo modo osservabili le ricadute del talento dei giovani specializzandi su una dimensione fondamentale della società”.


L’edizione 2014 del bando Talenti Società Civile si articola in tre tipologie di borse di ricerca scientifica: standard, per specialisti di area sanitaria, di imprenditorialità. 


Per maggiori informazioni vai alla pagina del progetto Master dei Talenti Società Civile.