Il Museo Leone di Vercelli inaugura le ultime sale riallestite con il bando Esponente

Previous Next

Oggi, venerdì 5 giugno, saranno inaugurate le ultime sale di Palazzo Langosco sede del Museo Camillo Leone di Vercelli. Le sale ospiteranno le collezioni di oreficeria popolare del territorio vercellese, tra cui spicca il ricco insieme dei gioielli, le cosiddette filigrane vercellesi, che confermano l'attenzione del Museo verso le memorie storiche del territorio e l'interesse per gli studi etnografici locali.

Il Museo ha sede in due edifici storici (Casa Alciati e Palazzo Langosco) collegati nel 1939 da una manica di raccordo. L'apertura delle ultime due sale dell'ala ovest del Palazzo permette il ripristino del  collegamento tra le due ali, di ponente e di levante, e completa il prestigioso progetto di allestimento iniziato negli anni Novanta,  con le suggestive sale delle Armi, dei Ferri battuti e delle Ceramiche bianche.

La Fondazione CRT ha destinato quasi 1 milione di euro al Museo Camillo Leone e al recupero e valorizzazione dello storico Palazzo Langosco di Vercelli.

I contributi della Fondazione nel corso degli anni sono stati destinati alla sistemazione della sede espositiva del museo, all’ultimazione dei lavori di restauro e alla riapertura al pubblico di Palazzo Langosco, a mostre temporanee e a iniziative per le scuole. 

Gli interventi dedicati all’attività espositiva del Museo Leone, rientrano nell’ambito del bando Esponente, che dal 2005 sostiene le attività museali o promuove il riordino dei musei già esistenti secondo criteri di scientificità e di fruibilità da parte del pubblico, soprattutto dei giovani e degli studenti, in linea con l’attenzione che la Fondazione CRT dedica alle nuove generazioni, volano dello sviluppo sociale e culturale del territorio.

Nell’ultimo triennio sono stati deliberati per Esponente 256 contributi, per un importo complessivo di quasi 3 milioni di euro.

Il bando per l'anno 2014 è attivo e scade il 30 giugno 2014. Per saperne di più su Esponente clicca qui.