Progetto Caravan: nasce la Rete Europea di Teatro Sociale di Comunità

Previous Next

Con la conferenza "Crisis and Rebirth? Inclusion in the performing arts in the EU", ospitata a Göteborg dal partner svedese Teater Spira, il progetto Caravan. Artists on the Road conclude le sue attività internazionali dando vita alla prima Rete Europea di Teatro Sociale di Comunità che, con centro a Torino, si svilupperà in tutta Europa.

Questi anni di esperienza, arricchiti dalle competenze di ciascun partner, hanno infatti portato la rete di Caravan a condividere una visione operativa e ad individuare modi e opportunità per continuare il lavoro congiunto, promuovendo l’empowerment delle comunità locali in un processo di audience development, sviluppando i linguaggi, allargando le attività e il numero dei territori coinvolti.

Le attività internazionali del progetto sono concluse ma il viaggio continua con la nascita della Rete Europea.

La partecipazione della Fondazione CRT in qualità di capofila al progetto Caravan aveva innanzitutto l'obiettivo di supportare un'eccellenza del territorio a diventare partner di un progetto europeo e farla crescere anche grazie alla collaborazione con altre organizzazioni in Europa: obiettivo raggiunto con successo, ma ancor più importante è il risultato della continuità che si darà al lavoro svolto in questi anni.

A Göteborg i due giorni di dibattiti e performance (19 e 20 maggio) su arte, politiche culturali e democrazia in Europa hanno visto la partecipazione, fra gli altri, di Chris Torch, fondatore e Senior Associate di Intercult e di Jens Stilhoff Sorensen, ricercatore all'Università di Göteborg e presso il The Swedish Institute of International Affairs, oltre a quella dei rappresentanti delle organizzazioni partner. Fra questi il Social Comunity Theatre Center dell’Università di Torino ha presentato la metodologia del Teatro Sociale e di Comunità anche nelle diverse articolazioni del Theatre Storytelling with Community e del Community Drama.

L’incontro di Goteborg è stato preceduto da 4 giornate di riflessione attiva e spettacoli presso la sede dell’Odin Teatret a Hostelbro in Danimarca con la presenza di gruppi teatrali internazionali provenienti da Europa, Stati Uniti, Perù, Colombia, Afghanistan, tutti impegnati in progetti artistici di comunità.

Il progetto Caravan in numeri

  • 11 partner
  • 9 paesi europei
  • 42 mesi di lavoro
  • 2,9 milioni di euro
  • 4 produzioni teatrali
  • 50 tappe intermedie
  • 1 team internazionale 
  • quasi 200 fra artisti e operatori
  • 40.000 spettatori - dei quali 6.000 partecipanti attivi