Inaugurazione dello Scalone Alfieriano: la Fondazione CRT per il progetto Polo Reale

Previous Next

Torino, 16 aprile 2013 -  L’odierna riapertura dello Scalone monumentale presso la Biblioteca Reale rappresenta un nuovo significativo tassello del grande progetto del Polo Reale di Torino, che riunirà in un unico soggetto cinque realtà museali: il Palazzo Reale con i giardini, l’Armeria Reale, la Biblioteca Reale, il Museo Archeologico e la Galleria Sabauda.  Questo nuovo intervento sarà realizzato anche grazie al contributo della Fondazione CRT, il cui sostegno in quest’ambito è stato particolarmente significativo e costante nel recupero e nella valorizzazione dell’Armeria Reale. 

La restituzione alla città di un gioiello come lo scalone monumentale è un ulteriore passo avanti nel recupero del sistema delle residenze e delle collezioni sabaude, nel quale la Fondazione CRT è da sempre impegnata.

In considerazione dell’importanza del nuovo progetto presentato dalla Consulta per la valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRT ha fin da ora espresso un assenso di massima favorevole al suo sostegno, in forma paritetica con gli altri due soggetti interessati: la Consulta stessa e la Compagnia di San Paolo. In una fase di ridimensionamento delle risorse economiche, la collaborazione con altri soggetti diventa particolarmente strategica per la valorizzazione del territorio e il recupero del patrimonio artistico, fattori che, oltre al rilevante valore culturale, possiedono anche una forte valenza di richiamo turistico. 


Il fare sistema ha sempre connotato l’agire della Fondazione CRT che nel progetto dell’Armeria Reale  si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione Amici dell’Arte in Piemonte, sotto l’attenta regia della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici e delle Soprintendenze competenti.  Negli anni, l’intervento della Fondazione ha reso possibile il restauro degli ambienti monumentali e il recupero dell’allestimento storico del Museo custodito all’interno della Galleria Beaumont, voluto nel 1832 da Carlo Alberto.

Al restauro dell’Armeria si è aggiunto, sempre grazie al sostegno della Fondazione, lo studio e la schedatura dell’Archivio Storico, la catalogazione informatizzata degli archivi, la realizzazione del sito Internet e la pubblicazione della “Guida breve”, importante strumento di documentazione e memoria per l’Armeria. 

La restituzione alla città di un gioiello come lo scalone monumentale, così come si è trattato per l’Armeria Reale, si pone come un ulteriore passo avanti nel vasto e articolato progetto di recupero del sistema delle residenze e delle collezioni sabaude, nel quale la Fondazione CRT è da sempre profondamente impegnata.