La Fondazione CRT all'Assemblea Generale dell'ONU

Previous Next

La Fondazione CRT, rappresentata dal Segretario Generale Massimo Lapucci, interviene oggi, lunedì 1° ottobre 2012 a New York nel corso dell’Assemblea Generale dell’ONU su segnalazione del Governo Italiano e nell’ambito del panel “The Inclusive City: Management of Diversity at the Local Level”, organizzato dal Ministero degli Affari Esteri congiuntamente alla United Nations Alliance of Civilization (UNAoC).

Obiettivo centrale del panel è facilitare il dialogo tra governi e organizzazioni della società civile sul tema della città inclusiva, in un momento storico in cui le migrazioni e il conseguente incremento della diversità culturale sono diventati temi chiave del dibattito politico. Il panel sarà trasmesso in streaming sul sito dell’UNAoC e su UNTV, il canale televisivo delle Nazioni Unite.

L’intervento del Segretario Generale sarà focalizzato sul più significativo esempio di housing sociale temporaneo reso possibile dalla Fondazione torinese e pienamente operativo da un anno: Sharing.

La Fondazione CRT per Sharing

Sharing è il più importante intervento di venture philanthropy della Fondazione CRT, un modello di best practice adatto ad essere presentato in una sede internazionale come l’assemblea generale dell’ONU per la sua unicità, i tempi rapidi di realizzazione, la riqualificazione sociale e urbana che ha reso possibile. Inclusione sociale, sostenibilità economica ed efficienza energetica sono i tre elementi che connotano fortemente il progetto.

Il grande edificio-albergo sociale di via Ivrea 24 a Torino, gestito da Sharing srl e realizzato grazie al finanziamento e all’impegno della Fondazione CRT, opera oggi a pieno regime, offrendo 122 unità residenziali, 58 camere ad uso hotel, servizi sociali e spazi commerciali (sono ad oggi presenti un ufficio di job placement, di consulenza legale, di microcredito e servizi sanitari a prezzi calmierati). Il progetto è nato grazie alla Fondazione CRT, che attraverso la Fondazione Sviluppo e Crescita CRT e la società Ivrea 24 Abitare Sostenibile S.p.A ha garantito oltre il 90% del finanziamento complessivo, pari a 15 milioni di euro, dalla disponibilità della Città di Torino, da un’idea di Oltre Venture, fondo italiano di venture capital sociale, e dall’esperienza della cooperativa sociale D.O.C.. I lavori si sono conclusi in meno di due anni. A oggi, 6.300 persone sono state ospitate negli appartamenti e nelle camere dell’albergo. Il complesso costituisce un tassello importante nel progetto di riqualificazione urbana del quartiere torinese di Pietra Alta, alla Falchera, e si caratterizza come un modello innovativo per la domotica e per l’attenzione al rispetto dell’ambiente.

 

La Fondazione CRT e il Ministero degli Affari Esteri

L’intervento della Fondazione CRT all’Assemblea ONU si inserisce all’interno di una più ampia collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e con l’Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite. Tale collaborazione, iniziata nel 2011, è proseguita nella primavera 2012 con incontri a New York (“Fostering Cross-Cultural Understanding for Building Peaceful and Inclusive Societies”) e a Istanbul ("Partners Forum for the Alliance"). In occasione dell’evento di New York la Fondazione ha incontrato i vertici dell’Ambasciata Italiana presso le Nazioni Unite ed è diventata interlocutore del MAE sui temi dell’inclusività, del dialogo interculturale, del supporto alle nuove generazioni, dell’internazionalizzazione delle esperienze.

Per sostenere l'imprenditorialità sociale giovanile nell'area del Mediterraneo, la Fondazione torinese sta mettendo a punto un progetto congiunto con MAE e UNAoC dal titolo “Young entrepreneurs promoting intercultural understanding in the Eur-med Region”, che prende spunto dall’esperienza maturata dalla Fondazione CRT attraverso i propri progetti di formazione e tirocinio internazionali, dedicati ai migliori giovani talenti.

La seduta di oggi all'ONU potrà essere seguita sul canale twitter della Fondazione CRT a partire dalle 16.00 (10.00 ora di new York). 

Il comunicato stampa integrale è disponibile nella colonna a destra in questa pagina