La Fondazione CRT al Festival Internazionale dell'Oralità Popolare

Previous Next

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL’ORALITÀ POPOLARE
Ideato ed organizzato dalla
RETE ITALIANA DI CULTURA POPOLARE
VII Edizione

Con l’adesione del Presidente della Repubblica

Manifestazione insignita della medaglia di bronzo del Senato della Repubblica
Con il patrocinio della Camera dei Deputati

5 luglio - A seguito degli ultimi aggiornamenti, si riporta quanto segue: 

Si è svolta ieri, nella sede della Prefettura di Torino, la consegna della Medaglia che il Presidente della Repubblica ha voluto destinare, quale suo premio di rappresentanza, alla VII edizione del Festival Internazionale dell’Oralità Popolare.

A ricevere la Medaglia, dalle mani del Vice Prefetto Dott. Raffaele Ruberto, è stato il Presidente della Rete Italiana di Cultura Popolare Prof. Ugo Perone che ha dichiarato: “ Siamo molto soddisfatti per questo importante riconoscimento che premia i tanti anni di lavoro della Rete sui territori italiani e ringraziamo il Presidente Napolitano per aver voluto, con questo suo gesto, esprimere il suo interesse e apprezzamento per le tematiche della Cultura Popolare”.


Il Festival OP si aprirà giovedì 5 Luglio, alle ore 21.00 con la Cerimonia di Apertura presso il Teatro Vittoria, via Gramsci 4, Torino e non in piazza Carignano come precedentemente comunicato.

Interverranno: Ugo Perone - Assessore alla Cultura della Provincia di Torino e Presidente della Rete Italiana di Cultura Popolare, Massimo Lapucci - Segretario Generale Fondazione Sviluppo e Crescita – CRT e Direttore Strategia e Marketing Fondazione CRT , Maurizio Braccialarghe - Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della Città di Torino

Seguirà il primo concerto serale che presenterà l’incontro tra le due sponde del Mediterraneo.

OP! Festival Internazionale di Oralità popolare proseguirà fino a domenica 8 Luglio. 

Per informazioni sulla Rete Italiana di Cultura Popolare e per visionare il programma del festival: http://www.reteitalianaculturapopolare.org/

La Fondazione Cassa di Risparmio di Torino sostiene il Festival Internazionale dell’Oralità Popolare che si tiene quest’anno dal 5 all’8 luglio in piazza Carignano, piazza Carlo Alberto e nel cortile di Palazzo Carignano a Torino.

Le iniziative che vedono coinvolta la Fondazione CRT sono tre:
1. Nell’ambito del Festival, oltre al tradizionale contributo economico, la Fondazione CRT avvia due progetti:

  •  Il progetto Borse Lavoro, finalizzato alla costituzione di un fondo destinato all’attivazione di alcune Borse Lavoro per diplomati piemontesi e valdostani. Tale fondo verrà costituito grazie agli introiti del “Chiosco gastronomico” gestito dalle famiglie del progetto “Indovina chi Viene a Cena?”  che verranno raddoppiati dalla Fondazione CRT. 
  • Un programma di attività sia seminariali, sia performative organizzate dal C-Lab, community-laboratorio degli ex borsisti della Fondazione, incentrate sul tema della partecipazione dei giovani alla vita pubblica. Info: http://www.clab.fondazionecrt.it/

2. La Fondazione CRT è inoltre coinvolta in qualità di soggetto promotore e finanziatore di “Arianna”, Rete EuroMediterranea di Cultura Popolare, che ha l’obiettivo di sviluppare – dalla sede centrale di Torino - politiche e iniziative finalizzate alla valorizzazione e diffusione della cultura popolare e del patrimonio immateriale tra i Paesi dell’area euro-mediterranea.
Ad oggi Arianna riunisce operatori e istituzioni pubbliche di Italia, Spagna, Francia, Marocco e Grecia che hanno firmato la Carta dei Valori, lo scorso 20 giugno a Sassari. La prima iniziativa di Arianna è il Festival itinerante del Mediterraneo di cui il Festival Internazionale dell’Oralità Popolare è una delle tappe. (info: http://www.reteitalianaculturapopolare.org/it/-rete-mediterranea-delloralita-popolare.html).

3. Va inoltre evidenziato l’impegno profuso dalla Fondazione CRT nell’implementazione della prima community web italiana dedicata alla cultura popolare. La community, attiva da circa sei mesi, permette ai volontari della Rete di condividere contenuti, eventi ed informazioni ma si configura soprattutto come un grande archivio partecipato all’interno del quale la cittadinanza può inserire contenuti rilevanti (quali audio, video, foto, testi, ecc). Oltre ai contenuti apportati degli utenti la community permetterà anche la condivisione del più grande archivio di cultura popolare in Italia, reso possibile grazie alla donazione di Tullio De Mauro.