Protezione Civile per i piccoli comuni

Previous Next

I Comuni del Piemonte e della Valle d’Aosta con meno di 3.000 abitanti possono fare richiesta di contributo alla Fondazione CRT per realizzare interventi a tutela del suolo e di riassetto idrogeologico. Le risorse stanziate dalla Fondazione CRT per il 2017, pari complessivamente a un milione di euro, – quasi il doppio rispetto allo scorso anno –, sono destinate ad attività di protezione civile e salvaguardia del territorio: in particolare, opere di messa in sicurezza e mitigazione dei rischi naturali quali alluvioni, frane, smottamenti, incendi, progetti di ripristino dell’alveo dei corsi d’acqua, difesa e consolidamento dei versanti dei fiumi, azioni di prevenzione degli incendi, tutela delle risorse idriche.

“I piccoli Comuni sono le fondamenta su cui si regge il nostro Paese, la nostra ‘casa’ – afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. La Fondazione CRT ha contribuito a realizzare finora quasi mille interventi per la difesa e la salvaguardia del territorio, con l’obiettivo non certo di sostituirsi allo Stato, ma di rispondere capillarmente alle esigenze delle comunità per contrastare le fragilità ambientali in Piemonte e Valle d’Aosta”.

“L’adozione di misure di prevenzione del rischio per minimizzare gli effetti negativi di eventi catastrofici naturali e dell’uomo rappresenta ad oggi una delle emergenze del nostro Paese, soprattutto a causa delle risorse pubbliche spesso insufficienti – dichiara il Segretario generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Purtroppo anche il territorio piemontese, profondamente segnato dalle alluvioni dello scorso anno, non ne è indenne. La Fondazione CRT, con il Bando Protezione Civile per i piccoli comuni, vuole dimostrare il suo impegno nel settore ‘Welfare e Territorio’ raddoppiando quest’anno il suo contributo, anche al fine di sostenere la collaborazione tra piccoli comuni del Piemonte e della Valle d’Aosta”.

Protezione Civile per i piccoli comuni è il progetto che favorisce il miglioramento dell’organizzazione e delle dotazioni in materia di Protezione Civile nei piccoli comuni e loro associazioni,  in considerazione delle competenze in materia assegnate ai comuni dall'attuale sistema di protezione civile. Il progetto incentiva l’adozione di misure di prevenzione del rischio al fine di minimizzare gli effetti negativi di eventi catastrofici naturali e antropici e nel contempo favorisce l’associazionismo dei piccoli comuni del Piemonte e della Valle d’Aosta al fine di ottenere una gestione integrata ed un’ottimizzazione delle risorse.

Le domande di partecipazione saranno valutate in base alla priorità e alla rilevanza di ciascun intervento per il territorio, in considerazione del suo grado di vulnerabilità e dei possibili danni alle persone, all’ambiente, agli edifici e alle infrastrutture derivanti da eventi catastrofici. Altri criteri di selezione delle richieste riguardano l’adozione di tecniche di ingegneria naturalistica nelle opere da realizzare, il coinvolgimento delle associazioni di volontariato nell’ambito della Protezione civile, il ricorso a iniziative come le borse lavoro per favorire l’impiego dei giovani e delle persone in condizione di disagio socio-economico.

Nell’ottica di favorire l’associazionismo degli Enti locali per una gestione integrata e un’ottimizzazione delle risorse, il bando della Fondazione CRT è aperto anche alle unioni e aggregazioni di Comuni con una popolazione media inferiore ai 3.000 abitanti, che gestiscano in forma associata i servizi di Protezione civile.

Con il bando “Protezione civile per i piccoli Comuni” la Fondazione CRT ha erogato complessivamente 9 milioni di euro per 940 interventi in difesa del suolo.

BANDO 2017

Il bando 2017 è aperto. Il testo del bando è disponibile cliccando qui.

La scadenza per l'inoltro delle domande sarà il 30 novembre 2017, alle ore 15.00.

Per partecipare al bando è necessario