Progetto Lagrange

Previous Next

È aperto fino al 22 settembre il bando 2019 per 8 Borse di Ricerca Applicata del Progetto Lagrange-Fondazione CRT, iniziativa ideata, promossa e finanziata dalla Fondazione CRT con il coordinamento scientifico dellaFondazione ISI. La nuova edizione del bando offre la possibilità di condurre progetti d'eccellenza, della durata di 12 mesi, in un terreno all'avanguardia nella ricerca come è quello dei Data Science e Impatto Sociale.

Attraverso il Progetto Lagrange, attivo dal 2011, la Fondazione CRT ha già sostenuto oltre 700 giovani ricercatori con borse di dottorato e di ricerca applicata per un investimento complessivo superiore ai 42 milioni di euro. Oltre a offrire un contributo diretto ai processi di accumulazione di conoscenza scientifica e tecnologica, il progetto ha rafforzato il ponte tra ricerca accademica e sistema delle imprese, potenziando le dinamiche dell'innovazione sul territorio del Piemonte e della Valle d'Aosta e mantenendo sempre il passo con l'avanzamento degli studi nei sistemi complessi. Da questo punto di vista, garanzia di eccellenza e qualità è il coordinamento scientifico della Fondazione ISI, istituto torinese che da oltre trent'anni è leader internazionale nella scienza della complessità e che opera all'avanguardia nei campi dei Big Data, dell'epidemiologia digitale, dell'intelligenza artificiale e del Data for Social Good.

 

 BORSE DI RICERCA APPLICATA 2019

Il bando 2019 del Progetto Lagrange-Fondazione CRT si rivolge ai possessori di laurea magistrale e ai dottori di ricerca in discipline tecnico-scientifiche che intendano svolgere attività di ricerca applicata in Data Science e Impatto Sociale (e che non risultino assegnatari di due o più borse di ricerca relative a precedenti bandi del Progetto Lagrange). I titolari della borsa devono essere residenti in Piemonte o Valle d'Aosta e le attività di ricerca saranno svolte presso la Fondazione ISI, sotto la supervisione di uno dei Research Leader dell'istituto.

Le candidature per le Borse di Ricerca Applicata del Progetto Lagrange-Fondazione CRT dovranno pervenire entro le ore 17.00 del 22 settembre 2019 alla Fondazione ISI, tramite posta elettronica certificata all'indirizzo fondazioneisi@pec.it. Il testo integrale dei bandi, con i criteri di ammissibilità, i moduli da compilare e le regole di partecipazione, è consultabile online sul sito  www.progettolagrange.it.

Tra le richieste pervenute, il Comitato Tecnico del Progetto Lagrange – Fondazione CRT sceglierà i candidati a cui assegnare le borse, pubblicando l'elenco definitivo dei vincitori sul sito dedicato entro il 14 ottobre 2019.

Tutti gli aggiornamenti e le informazioni relative ai bandi per l'assegnazione delle borse di riceca sono disponibili sul sito web della Fondazione ISI nella sezione dedicato del Progetto Lagrange cliccando qui.

IL PREMIO LAGRANGE-FONDAZIONE CRT

Il Premio Lagrange – Fondazione CRT è il più importante riconoscimento internazionale per lo studio dei sistemi complessi istituito dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e coordinato dalla Fondazione ISI – Istituto per l'Interscambio Scientifico. Elemento emblematico del Progetto Lagrange di Fondazione CRT, il Premio Lagrange viene assegnato dal 2008 a scienziati di fama internazionale che si sono distinti per il contributo innovativo nel declinare ai più alti livelli i principi della scienza della complessità e della scienza dei dati. Negli anni, il Premio ha voluto darsi una regola che fosse anche uno stimolo ai giovani ricercatori, ponendo un limite di età (50 anni) per il premiato.

Si sono succeduti nel riceverlo:

2008, I EDIZIONE: Yakov Grigorievich Sinai (matematico, Russia), William Brian Arthur (economista, UK)
2009, II EDIZIONE: Giorgio Parisi (fisico, Italia)
2010, III EDIZIONE: James J. Collins (bioingegnere, USA)
2011, IV EDIZIONE: Albert László Barabási(fisico, Ungheria/USA)
2012, V EDIZIONE: Lada Adamic (studiosa di reti sociali, USA), Xavier Gabaix (economista, Francia)
2013, VI EDIZIONE: Duncan J. Watts (sociologo e studioso di reti sociali, Australia)
2014, VII EDIZIONE: Mark Newman (fisico, UK)
2015, VIII EDIZIONE: Panos Ipeirotis (informatico, Grecia), Jure Leskovec (informatico, Slovenia)
2016, IX EDIZIONE: John Brownstein (epidemiologo, Canada)
2017, X EDIZIONE: Danielle S. Bassett (bioingegnera, USA)
2018, XI EDIZIONE: César Hidalgo (fisico, Cile)